Dati Covid in tempo Reale

All countries
194,712,991
Confermati
Updated on 25 July 2021 20:49
All countries
174,965,568
Ricoverati
Updated on 25 July 2021 20:49
All countries
4,173,054
Morti
Updated on 25 July 2021 20:49

Violenze nel carcere di Capua Vetere. Draghi: “siamo qui per affrontare le nostre sconfitte”

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – “L’Italia è stata condannata due volte dalla Corte europea dei diritti dell’uomo per il sovraffollamento carcerario. Ci sono quasi tremila detenuti in più rispetto ai posti letto disponibili. Negli istituti campani sono circa 450. Sono numeri in miglioramento, ma comunque inaccettabili. Ostacolano il percorso verso il ravvedimento e il reinserimento nella vita sociale, obiettivi più volte indicati dalla Corte Costituzionale”.

Lo ha detto Mario Draghi al termine della visita al carcere di Santa Maria Capua Vetere.

“Oggi non siamo qui a celebrare trionfi o successi, ma ad affrontare le conseguenze delle nostre sconfitte. Venire in questo luogo oggi significa guardare da vicino per iniziare a capire- continua il premier-. Quello che abbiamo visto negli scorsi giorni ha scosso nel profondo le coscienze degli italiani. Sono immagini di oltre un anno fa. Le indagini in corso stabiliranno le responsabilità individuali. Ma la responsabilità collettiva è di un sistema che va riformato”.

 “In un contesto così difficile, lavorano ogni giorno, con spirito di sacrificio e dedizione assoluta, tanti servitori dello Stato. La polizia penitenziaria, in grande maggioranza, rispetta i detenuti, la propria divisa, le istituzioni. Gli educatori assicurano le finalità riabilitative della pena”, dice ancora Draghi.

“I mediatori culturali assistono i carcerati di origine straniera. I volontari permettono molte delle attività di reinserimento. A voi, e ai vostri colleghi in tutta Italia, va il più sentito ringraziamento del Governo e il mio  personale”, ha aggiunto il premier, che però ha anche voluto ammonire: “Non può esserci giustizia dove c’è abuso. E non può esserci rieducazione dove c’è sopruso. La Costituzione Italiana sancisce all’Articolo 27 i principi che devono guidare lo strumento della detenzione: Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato”.

Altre News

Articoli Correlati