Dati Covid in tempo Reale

All countries
240,190,120
Confermati
Updated on 14 October 2021 18:56
All countries
215,766,611
Ricoverati
Updated on 14 October 2021 18:56
All countries
4,893,211
Morti
Updated on 14 October 2021 18:56

Wikipedia denuncia infiltrazioni: sette redattori banditi per propaganda pro-Cina

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – La Wikimedia Foundation ha dichiarato che l’infiltrazione ha minacciato “le stesse fondamenta di Wikipedia”.

La fondazione ha bandito sette editori legati a un gruppo della Cina continentale che si sono difesi accusando l’organizzazione di “calunniare senza motivo un piccolo gruppo di persone”. Ad altre 12 persone sono state invece sottratte le utenze di amministratori e ogni loro contenuto sarà ora passato al vaglio prima di ottenere il via libera per la pubblicazione.

I Wikimediani della Cina continentale hanno accusato la fondazione di “calunniare senza fondamento un piccolo gruppo di persone”. Questo caso ha una portata senza precedenti”, ha detto il vicepresidente della fondazione Maggie Dennis, in una nota ai volontari .

 I sette ‘infiltrati’ hanno cercato di promuovere “gli obiettivi della Cina, controllando i contenuti e i filtri attraverso i quali potevano essere raggiunti”. Allo stesso tempo, però, Dennis ha specificato di non essere nella posizione di “puntare il dito contro Pechino” né di essere “in possesso di informazioni che porterebbero a farlo”.

Gli infiltrati avevano cercato di promuovere “gli obiettivi della Cina, interpretati attraverso qualsiasi filtro possano esercitare”, ha detto la signora Dennis.  “Il controllo dei contenuti era un obiettivo. Non sono in grado di puntare il dito contro lo stato cinese né in possesso di informazioni che mi porterebbero a farlo”.

Tuttavia, “indagini lunghe e approfondite” su Wikimedians della Cina continentale, un gruppo che afferma di avere circa 300 membri, hanno portato al divieto di sette utenti e alla rimozione dei privilegi di amministratore da altri 12, ha affermato Wikipedia.

E c’era stata la preoccupazione che le elezioni per i potenti ruoli di amministratore venissero manipolate e il processo di editing rischiasse di essere sopraffatto.

Settimane prima, la fondazione, in risposta a un avviso di sicurezza, aveva limitato l’accesso alle informazioni di identificazione personale in due giurisdizioni in cui l’accesso a Wikipedia era bloccato, inclusa la Cina.

Aveva temuto che i volontari, alcuni dei quali giovani, potessero essere sfruttati o costretti a condividere dati personali da “attori statali o altri interessati a falsare le informazioni”.

Altre News

Articoli Correlati