Zelensky. “Non riesco più a piangere”. Odio la Russia, “bambini assassinati senza gambe e braccia”

- Advertisement -

AgenPress – Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un’intervista al quotidiano tedesco Bild rispondendo alla domanda se avesse pianto per il massacro di ieri alla stazione di Kramatorsk e dopo le centinaia di morti di Bucha risponde: “Non riesco più a piangere”.

“Sì, provo odio verso la Russia, verso i soldati russi. Quando vedo queste immagini davanti ai miei occhi, bambini assassinati senza gambe, senza braccia. È un risentimento, è terribile”, ha ammesso il presidente ucraino.

- Advertisement -

 “Come il massacro di Bucha, come tanti altri crimini di guerra russi, l’attacco a Kramatorsk deve essere inserito tra le accuse che saranno portate in tribunale, cosa che dovrà accadere”, dice Zelensky in uno dei passaggi del nuovo video sulla strage di ieri alla stazione di Kramatorsk, dove sono morti oltre 50 profughi.

“Tutti gli sforzi del mondo dovranno essere diretti a ricostruire ogni minuto. Chi ha fatto cosa, chi ha dato gli ordini, da dove sono arrivati i razzi, chi li ha portati, chi ha dato l’ordine e come l’attacco è stato organizzato. La responsabilità è inevitabile”.

 

- Advertisement -

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati