Cina. Lo sterminio di massa del regime comunista. Donne iuguri costrette ad abortire

572
Amima Mamtimin fuggita dalla Cina per salvare il figlio, Abdullah

AgenPress – Quando Amina Mamtimin è rimasta incinta quattro anni fa, sapeva che doveva lasciare il suo paese o il bambino sarebbe stato ucciso. 

“Ero molto felice di avere un bambino ma anche così spaventata”, ha detto.

Perché come tutti nella sua città, sapeva cosa fosse successo alle donne uighur incinte catturate dallo stato cinese. 

“Sono costretti ad abortire e poi smettono di avere più figli. Stava succedendo a quasi tutti nel mio quartiere.

Amina, 30 anni, aveva già quattro figli, due in più del permesso, quindi si era nascosta con loro nella loro casa vicino alla città di Hotan, nella regione cinese dello Xinjiang. “Per due anni ho lasciato a malapena casa mia, nemmeno al mercato”, ha detto.

Così la famiglia ha deciso di fuggire dall’orrenda repressione di Pechino contro le minoranze musulmane nella Cina occidentale. Avevano registrato il loro terzo e quarto figlio come appartenenti alla sorella di Amina, ma sapevano che non avrebbero potuto ingannare di nuovo i funzionari del Partito Comunista.

Tuttavia, quando hanno chiesto il passaporto, solo Amina e la figlia minore hanno avuto successo. Era d’accordo con suo marito, Kurbanjan, che doveva andare prima a salvare il loro bambino in rapida crescita nel suo grembo, poi il resto della famiglia lo avrebbe seguito. 

‘Ero così triste di lasciare il mio paese e gli altri miei tre figli. Ho pianto molto “, ha detto questa donna amichevole, la stanchezza impressa sul suo viso. “Ma non ce l’hanno mai fatta.”

Suo marito è stato incarcerato per 15 anni, scomparendo nella sinistra rete cinese di campi di concentramento, “centri di rieducazione” e prigioni. Non ha idea di dove si trovino i suoi altri tre figli, di età compresa tra i nove ei 12 anni.

Mi mostra un’immagine sfocata di due di loro sul suo telefono mentre parliamo a Istanbul, dove vive con sua figlia e suo figlio, Abdullah. “Tutto quello che posso fare è sperare che un giorno ci incontreremo di nuovo, ma per ora mi sento a malapena vivo e non riesco a provare alcuna felicità.”

La sua storia è straziante. Eppure è tutt’altro che unico. Amina era una delle circa 25 donne uiguri che ho incontrato in un caffè. Molti erano allo stesso modo fuggiti per salvare i loro figli non ancora nati e tutti avevano storie tragiche di parenti gettati nei gulag.

Ci sono solo 12 milioni di uiguri in Cina, una goccia nell’oceano di 1,4 miliardi di abitanti del paese. Eppure il Partito Comunista sta cercando di estinguere la propria cultura e tradizioni con una ferocia sempre più vista come un genocidio.

Il processo risale al secolo scorso, quando molti cinesi Han iniziarono a trasferirsi nella loro provincia ricca di risorse e ad accaparrarsi la terra. Xi Xinping, il presidente della linea dura della Cina, ha intensificato la repressione con il pretesto di combattere il terrorismo dopo aver preso il potere nel 2012.

Si pensa che almeno un milione di persone siano state detenute durante la dura repressione dello Xinjiang, con numerosi posti di blocco della polizia supportati da una tecnologia in stile orwelliano per controllare le comunicazioni e il movimento. In uno degli aspetti più agghiaccianti di questo giro di vite, una nuova analisi dei dati ufficiali mostra come i tassi di natalità in aree come Hotan siano crollati del 60% in soli tre anni a causa della più spietata imposizione del controllo delle nascite immaginabile.

Diverse delle donne che ho incontrato a Istanbul (che è diventata la casa di circa 50.000 uiguri esiliati a causa degli stretti legami con la Turchia attraverso la religione) hanno detto di essere state costrette a firmare documenti che acconsentivano alla sterilizzazione prima che i medici partorissero in sicurezza in ospedale.

Altri avevano storie dell’orrore peggiori – come Roshangul Tashmuhammad, che come figlia di un imam a Gulja, proveniva da una famiglia ritenuta “politicamente sensibile” e sottoposta a ulteriore monitoraggio.

Roshangul, 45 anni, ha spiegato come i funzionari del partito, alcuni dei quali hanno persino il compito di controllare regolarmente i cicli mestruali delle donne per assicurarsi che non siano incinte, hanno scoperto che la moglie di suo fratello aspettava un bambino per la seconda volta. 

«Aveva tre mesi quando la polizia è venuta a casa sua e ha detto che dovevano portarla in ospedale per i controlli. I medici hanno detto che il bambino era morto nel grembo materno, quindi l’hanno abortito con la forza. Ma il suo primo bambino era così sano che non ci credevamo. ‘

Due anni dopo, sua cognata si è nascosta alle autorità durante un’altra gravidanza per partorire, ma questo ha portato il fratello di Roshangul solo in prigione per quattro anni. “Hanno detto che il suo bambino non dovrebbe essere vivo”, ha spiegato Roshangul.

Zumret Abdullah mi ha fornito una visione unica della strategia di uno stato che trasforma gli ospedali in terrificanti luoghi di omicidio. Ha trascorso quattro anni formando come infermiera presso l’Università di Medicina di Urumqi, poi tre anni lavorando nel reparto maternità dell’ospedale.

Ha stimato di aver assistito a circa 90 aborti forzati in quei tre anni. Le future mamme dovevano ingoiare pillole per abortire i feti o, se incinte da più di cinque mesi, dovevano subire iniezioni fatali nella testa del nascituro. “Ho assistito a molte tragedie lì”, ha detto Zumret, 30 anni. 

«Ai mariti non era permesso entrare. Accolgono le donne, che piangono sempre. Successivamente, hanno semplicemente gettato il feto in un sacchetto di plastica come se fosse spazzatura. Una madre ha implorato di morire dopo che il suo bambino di sette mesi è stato ucciso. Ci sono voluti altri tre giorni per partorire. Era un bambino vero. Ha chiesto se potevano seppellirlo ma i medici non lo hanno dato alla famiglia.

https://www.dailymail.co.uk/news/article-8559923/Chinas-Uighur-women-reveal-Communist-regime-turned-hospitals-centres-mass-murder.html