Turismo: Istat, 6 imprese su 10 temono per sopravvivenza

258

AgenPress. Se le imprese del turismo da un lato piangono per gli effetti devastanti del Covid, dall’altro hanno boicottato le misure previste dal Governo per risollevare il settore, a partire dal bonus vacanze.

Lo afferma il Codacons, commentando la relazione dell’Istat secondo cui, in tema di turismo, 6 imprese su 10 temono per la propria sopravvivenza.

Il turismo è senza dubbio il settore che più di tutti ha risentito della crisi Covid, ma al tempo stesso è quello in cui gli operatori si sono dimostrati meno sensibili verso gli utenti o disponibili a sfruttare gli incentivi previsti dal Governo – spiega il Codacons – Proprio albergatori ed esercenti che oggi temono la chiusura sono quelli che hanno aumentato in modo assurdo prezzi e tariffe di strutture ricettive, stabilimenti o servizi turistici per rifarsi dei minori guadagni legati al Covid, e che hanno rifiutato di accettare il Bonus vacanze o hanno posto ostacoli alla sua fruizione, impedendo ai cittadini di beneficiare del sussidio, al punto che ad oggi solo l’8% delle risorse stanziate è stato utilizzato.

Per risollevare le sorti del turismo e di tutto l’indotto è necessario spingere gli italiani a viaggiare nel nostro paese, creando occasioni per visitare le tante bellezze del territorio, applicando sconti e promozioni su soggiorni, escursioni, musei, noleggi, mezzi di trasporto, ecc.

Proprio per sostenere il turismo in Italia il Codacons ha avviato una convenzione con i piccoli comuni che vogliono attirare turisti applicando sconti su soggiorni e servizi vari (escursioni, noleggi, stabilimenti, ecc.), ampliando e potenziando di fatto il bonus vacanza, e già molte amministrazioni in tutta Italia hanno mostrato interesse per l’iniziativa. Tutti i comuni che vogliono aderire alla convenzione possono inviare una mail all’indirizzo info@codacons.it