Fapi: “Serve norma per stralcio cartelle esattoriali”

401

AgenPress. “Serve uno stralcio tombale delle cartelle esattoriali. Qualora in autunno il Governo dovesse consentire la notifica di 9 milioni di atti fiscali si potrebbero determinare serie ricadute sociali, considerate le già difficili condizioni economiche che sta attraversando, da mesi, il Paese.

E’ necessario, innanzitutto, prorogare fino a fine anno lo stop delle notifiche delle cartelle esattoriali, ma il Governo lavori immediatamente ad una norma fiscale che consenta di azzerare tutti i balzelli e chiudere le pendenze con il fisco, sia alle imprese che ai cittadini”.

Lo dichiara, in una nota, il presidente nazionale della Fapi (Federazione autonoma piccole imprese), Gino Sciotto.

“La crisi economica che si è determinata – conclude Sciotto – va affrontata con scelte coraggiose capaci di dare un nuovo impulso ai ceti produttivi ed ai lavoratori che, liberi dall’oppressione fiscale, potranno acquistare fiducia e incoraggiare la crescita e lo sviluppo del Paese”.