Bielorussia. Centinaia di arresti a Minsk. Oggi ancora in piazza contro Lukashenko

319

AgenPress – Centinaia di persone sono state arrestate sabato a Minsk, la capitale della Bielorussia, in un nuovo giorno di proteste contro il governo del presidente Alexander Lukashenko. Tra le persone fermate c’è anche Nina Bahinskaya, una donna di 73 anni che negli ultimi mesi era diventata una delle manifestanti più in vista.

Da ormai più di un mese in Bielorussia le manifestazioni più partecipate sono quelle della domenica: a quella di sabato ha partecipato qualche migliaio di persone, per la maggior parte donne.

Anche oggi migliaia di oppositori del presidente bielorusso Alexander Lukashenko sono tornati oggi in piazza in varie parti del Paese per una nuova protesta di massa. In un video clip la leader dell’opposizione Svetlana Tikhanovskaya aveva chiesto ai suoi sostenitori di continuare la cosiddetta ”Marcia della Giustizia”.

”Ogni settimana mostrate a voi stessi e al mondo che il popolo della Bielorussia è una forza”, ha detto Tikhanovskaya. La polizia è presente in massa nella piazza d’Indipendenza nel centro di Minsk. La protesta è organizzata dal gruppo ‘Nexta Live’, che ha chiesto alle forze della polizia di non mettere in atto gli ”ordini criminali” impartiti dal governo. Gli attivisti per i diritti umani hanno denunciato che gli uomini in uniforme non hanno con loro i badge identificati, in violazione delle leggi bielorusse e internazionali.

Secondo gli osservatori, domenica scorsa sono scesi in piazza circa 150mila manifestanti in Bielorussia. A Minsk diversi furgoni della polizia si sono avvicinati alla folla di manifestanti, stimati intorno al migliaio, e hanno cominciato adarrestarli, mentre alcuni fuggivano cercando riparo in un vicino centro commerciale. Le autorità hanno schierato camion militari e filo spinato. Ieri la polizia ha arrestato centinaia di donne che avevano marciato in modo pacifico contro il regime di Aleksander Lukashenko.

Una portavoce del ministero dell’Interno ha riferito che ieri “in tutto il Paese sono state arrestate 430 persone, 415 delle quali a Minsk. Di queste, 385 sono state rilasciate”.