Chiusure attività. Lazzàro (Confagricoltura Puglia): gravi effetti per agricoltura ed agriturismo

La Regione apra un tavolo di confronto con le organizzazioni di categoria prima di assumere decisioni

177
Il presidente di Confagricoltura Puglia Luca Lazzàro

AgenPress – “Il presidente della Regione Michele Emiliano deve consultare Confagricoltura Puglia e le altre organizzazioni di categoria prima di decidere eventuali misure che riguardino limitazioni alle attività produttive e commerciali, diversamente si rischia di mettere in campo azioni che creeranno nel tempo miseria e disperazione sociale”.

È quanto sostiene il presidente di Confagricoltura Puglia Luca Lazzàro. Il settore Horeca è uno dei settori più colpiti dalle scelte del Governo ed eventuali decisioni ulteriormente restrittive su scala regionale peggiorerebbero una situazione già tragica. “Da questa sera i ristoranti e i bar pugliesi e italiani in generale chiuderanno alle 18 con un danno enorme sia per i gestori e i dipendenti, cui va la nostra vicinanza, sia per il sistema agroalimentare che produce la materia prima. Nei prossimi giorni – specifica Confagricoltura Puglia –  ci aspettiamo forti cali di fatturato in tutte le attività agricole che sono legate al mondo della ristorazione e dei bar. Caleranno le richieste dell’olio di oliva, per il quale temiamo meccanismi speculativi, dei vini e di tutta la materia prima usata nelle cucine dei ristoranti e delle pizzerie”.

“È da considerarsi paradossale – precisa Lazzàro –  che a maggio è stato chiesto al mondo Horeca, e penso in particolar modo all’agriturismo pugliese, di fare importanti investimenti in sicurezza e prevenzione per riaprire e adesso dopo meno di 5 mesi viene detto di chiudere o di limitare fortemente i propri introiti.

Per Confagricoltura Puglia serve tener conto delle conseguenze economiche delle nuove misure del governo per frenare la diffusione dei contagi e rispettare gli impegni presi con le attività economiche messe in difficoltà dai blocchi. “Stiamo ancora aspettando – dice – i contributi promessi per la prima ondata di COVID-19, ci auguriamo che siano concreti e rapidi”.

Confagricoltura ricorda come consumi alimentari extradomestici, nel 2019, siano ammontati a 85 miliardi di euro. Secondo le stime di Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), a causa dell’emergenza sanitaria, si profila quest’anno una contrazione di 34 miliardi di euro.