Cina. Tamponi anali per testare soggetti ad alto rischio di contagio Covid

155

AgenPress – La Cina ha iniziato a utilizzare su scala più ampia i tamponi anali per testare i soggetti considerati ad alto rischio di contagio Covid-19, seguendo una nuova modalità ritenuta più efficace nella rilevazione del virus. I funzionari sanitari hanno prelevato la scorsa settimana tamponi del nuovo tipo dai residenti dei quartieri di Pechino con casi confermati di coronavirus, ha riferito il network statale Cctv, avviando le stesse procedure nelle strutture di quarantena designate.

Li Tongzeng, vicedirettore responsabile delle malattie infettive presso l’ospedale di Pechino You’an, ha affermato che gli studi hanno dimostrato che il coronavirus sopravvive più a lungo nell’ano o negli escrementi rispetto a quelli prelevati dai tratti della parte superiore del corpo e per alcuni portatori silenziosi il virus potrebbe essere presente in gola da 3 a 5 giorni, consentendo ad alcuni test di fornire risultati falsi negativi.

Prendere un tampone anale potrebbe aumentare la precisione nei gruppi chiave, ha osservato Li durante un’intervista con la China Central Television. Tuttavia, dato che il metodo non è conveniente come i tamponi faringei, verrà applicato solo a gruppi chiave nei centri di quarantena.

Piccoli, ma molteplici focolai, di virus stanno interessando soprattutto la Cina del nord, in aggiunta a Pechino e Shanghai, spingendo anche a pianificare test di massa condotti finora principalmente usando tamponi faringei e nasali. Il metodo dei tamponi anali “può aumentare il tasso di affidabilità di rilevamento delle persone infette” poiché le tracce del virus persistono più a lungo nell’ano che nel tratto respiratorio, ha commentato con la Cctv, Li Tongzeng, medico in servizio presso l’ospedale You’an di Pechino. La Cctv ha riferito domenica che i tamponi anali non sarebbero stati usati su vasta scala come altri metodi, poiché la tecnica “non era conveniente”.