Nel 2023 cresciuto l’antisemitismo in tutto il mondo, anche in Italia. Timori per il futuro della “vita ebraica” in Occidente

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – Nel 2023, la Francia ha registrato il più alto aumento di episodi di antisemitismo registrati tra tutti i paesi con statistiche affidabili, secondo i dati pubblicati in un nuovo rapporto che avverte che le tendenze attuali potrebbero minacciare la stessa “capacità di condurre una vita ebraica in Occidente”.

Pubblicato domenica dall’Università di Tel Aviv e dall’Anti-Defamation League, il rapporto mostra che gli incidenti in Francia sono quasi quadruplicati, da 436 nel 2022 a 1.676 l’anno scorso. Ha inoltre evidenziato l’antisemitismo nei campus statunitensi, che il capo dell’ADL ha definito l’aspetto “più allarmante” dell’ondata di odio verso gli ebrei negli Stati Uniti.

Degli incidenti antisemiti avvenuti lo scorso anno in Francia, il 74% è avvenuto dopo il 7 ottobre, quando i terroristi di Hamas uccisero circa 1.200 persone in Israele e ne rapirono altre 253, innescando una campagna militare ancora in corso da parte di Israele a Gaza e scontri a fuoco quotidiani. con Hezbollah lungo il confine con il Libano.

Negli Stati Uniti, il conteggio è più che raddoppiato, passando da 3.697 incidenti nel 2022 a 7.523 lo scorso anno, con il 52% del totale del 2023 avvenuto dopo il 7 ottobre. In Canada, l’aumento è stato da 65 a 132; nel Regno Unito da 1.662 a 4.103; in Germania da 2.639 a 3.614, in Italia da 241 a 454.

Su base pro capite, gli ebrei francesi, che secondo il rapporto sono circa 440.000, avevano tre volte più probabilità di subire un attacco antisemita rispetto agli ebrei negli Stati Uniti, la cui popolazione, secondo le stime del rapporto, ammonta a 6 milioni.

“Per coloro le cui opinioni servono uno scopo ideologico e strumentalista antiebraico e antisionista, il 7 ottobre è stata un’occasione d’oro per far avanzare ulteriormente le loro prospettive marginali piene di odio e razzismo nel discorso conservatore tradizionale, usandolo per attaccare rivali, mobilitare sostenitori e attirare nuovi seguaci”, scrivono gli autori del capitolo statunitense del rapporto, intitolato “Rapporto mondiale sull’antisemitismo per il 2023”.

Il rapporto di 148 pagine contiene un saggio dedicato all’antisemitismo nei campus statunitensi, dove l’ADL ha registrato 913 incidenti nel 2023, ovvero il 12% del conteggio annuale dell’intero Paese.

“Oggi l’antisemitismo sembra aver messo saldamente radici nel mondo accademico”, ha scritto l’autrice di quel saggio, la dottoressa Sara Yael Hirschhorn.

Nei campus di tutti gli Stati Uniti, studenti anti-israeliani e filo-palestinesi hanno organizzato manifestazioni che includevano l’occupazione degli edifici dei campus e altri disordini e hanno portato a scontri con la polizia, che ha arrestato centinaia di studenti manifestanti. Uno scontro alla Columbia University di New York tra la polizia e gli studenti che occupavano i terreni del campus si è concluso con nuovi arresti la scorsa settimana.

“Gli studenti ebrei e filo-israeliani sono stati aggrediti fisicamente, molestati verbalmente, vittime di bullismo online e generalmente fatti sentire insicuri nel campus, mentre le confraternite ebraiche, le case di Hillel e Chabad e persino i dormitori sono stati vandalizzati”, ha aggiunto Hirschhorn.

Quasi il 75% degli studenti universitari americani ha affermato di aver sperimentato o assistito a qualche forma di antisemitismo dall’inizio dell’anno accademico, rileva il rapporto dell’ADL.

“Tutto ciò è avvenuto mentre la leadership del mondo accademico taceva, in particolare nelle università americane più elitarie”, ha scritto Hirschhorn. Ha collegato quella realtà, come l’ha descritta lei, agli studi etnici e ai discorsi che diffamano gli ebrei e Israele definendoli colonialisti o oppressivi; i quadri prevalenti di diversità, equità e inclusione (DEI) che non riescono a tenere conto dell’antisemitismo; e finanziamenti del Qatar e altri dal Medio Oriente.

“A causa delle loro affiliazioni, i campus universitari sponsorizzati da regimi dispotici e antisionisti sono talvolta partner silenziosi di dilaganti abusi dei diritti umani e programmi illiberali”, ha scritto Hirschhorn.

“Questo Rapporto – hanno sottolineato l’Adl e l’Università di Tel Aviv che l’hanno diffuso in occasione del Giorno della Shoah in Israele – è un messaggero di cattive notizie. I dati raccolti dalle forze dell’ordine, agenzie governative, organizzazioni ebraiche e piattaforme mediatiche raccontano una storia dell’esistenza ebraica sotto minaccia crescente” nel mondo occidentale. Il problema – ha sostenuto il Rapporto – non è solo la “fiammata” scatenata dal 7 ottobre ma anche i mesi precedenti all’attacco di Hamas in cui senza “eventi eccezionali, la maggior parte dei Paesi con una significativa popolazione ebraica ha registrato un aumento nel numero di episodi di antisemitismo rispetto allo stesso periodo del 2022”.

“La guerra a Gaza – ha aggiunto – ha contribuito a diffondere un incendio che era già fuori controllo”. Negli Usa, l’Adl ha contato 7.523 incidenti nel 2023 contro i 3.697 del 2022. In Francia, si è passati dai 436 del 2022 ai 1.676 di quest’anno con un aumento degli assalti fisici. Nel Regno Unito, da 1.662 a 4.103, in Germania da 2.639 a 3.614, in Brasile da 432 a 1.774, in Sud Africa da 68 a 207, in Messico da 21 a 78, in Australia da 79 a 622. Per quanto riguarda l’Italia – i dati per il Rapporto sono stati forniti dall’Osservatorio per l’antisemitismo del Cdec di Milano – dei 454 incidenti registrati nel 2023, 259 sono stati quelli avvenuti on line e 195 nel mondo reale. In questi ultimi è compreso anche “un assalto fisico” ad un un alunno ebreo in una scuola al grido di ‘Palestina libera’. Nel 2023, sono stati registrati 10 atti di vandalismo e 67 di graffiti, mentre nel 2022 erano stati rispettivamente 6 e 28.

- Advertisement -

Potrebbe Interessarti

- Advertisement -

Ultime Notizie

- Advertisement -