Ucraina. Ministero Esteri: Zelensky nella lista dei ricercati russi è “segno di disperazione” di Putin

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – I resoconti dei media di propaganda russa secondo cui Mosca avrebbe inserito il presidente Volodymyr Zelensky nella lista dei ricercati sono un “segno di disperazione”, ha affermato il ministero degli Esteri ucraino il 4 maggio.

Zelensky è stato inserito nella lista dei ricercati dal ministero degli Interni russo, che ha affermato di essere ricercato “ai sensi di un articolo del codice penale” senza fornire ulteriori dettagli, hanno scritto ieri i media controllati dallo Stato russo.

Il ministero degli Esteri ucraino ha affermato che una tale mossa dimostra “la disperazione della macchina statale e della propaganda russa, che non sanno cos’altro inventare per attirare l’attenzione”.

Secondo l’agenzia di stampa statale TASS, la Russia ha inserito nella lista dei ricercati anche l’ex presidente ucraino Petro Poroshenko e il comandante delle forze di terra ucraine Oleksandr Pavliuk .

“Vorremmo ricordare a tutti che, a differenza degli inutili annunci russi, il mandato di arresto della Corte penale internazionale (CPI) per il dittatore russo Vladimir Putin con l’accusa di crimini di guerra è reale ed esecutivo in 123 paesi”, si legge nella dichiarazione del ministero. .

Il 17 marzo 2023 la Corte penale internazionale ha emesso mandati di arresto nei confronti di Putin e della commissaria russa per i diritti dei bambini Maria Lvova-Belova per le deportazioni forzate di migliaia di bambini ucraini in Russia.

Un anno dopo, a marzo , la corte ha anche emesso mandati di arresto nei confronti di due comandanti militari russi per aver effettuato attacchi contro le infrastrutture elettriche ucraine durante l’inverno 2022-2023.

Il tenente generale Sergei Kobylash e l’ammiraglio Viktor Sokolov “sono presumibilmente responsabili” di una serie di crimini di guerra, tra cui “aver diretto attacchi contro siti civili”, ha affermato la CPI.

La Russia aveva precedentemente inserito nella lista dei ricercati il ​​primo ministro estone Kaja Kallas e Kyrylo Budanov , capo dell’intelligence militare ucraina.

- Advertisement -

Potrebbe Interessarti

- Advertisement -

Ultime Notizie

- Advertisement -