Dati Covid in tempo Reale

All countries
229,956,967
Confermati
Updated on 21 September 2021 14:07
All countries
204,924,501
Ricoverati
Updated on 21 September 2021 14:07
All countries
4,716,160
Morti
Updated on 21 September 2021 14:07

Cannabis. Secondo una ricerca il consumo aumenta le probabilità di soffrire di infarto

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – Sia che la fumi, la vaporizzi o la mangi come commestibile, la cannabis può aumentare significativamente il rischio di infarto.

Gli adulti sotto i 45 anni, che hanno consumato cannabis negli ultimi 30 giorni, hanno sofferto di quasi il doppio di attacchi di cuore rispetto agli adulti che non hanno usato il farmaco, secondo una ricerca pubblicata sul Canadian Medical Association Journal .
La cannabis si riferisce ai preparati psicoattivi della pianta di Cannabis sativa, la cui sostanza chimica psicoattiva è il tetraidrocannabinolo, o THC, secondo l’ Organizzazione Mondiale della Sanità .
I ricercatori hanno analizzato i dati sulla salute di oltre 33.000 adulti di età compresa tra 18 e 44 anni inclusi nei sondaggi dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie nel 2017 e nel 2018. Del 17% degli adulti che hanno riferito di aver fatto uso di cannabis nel mese precedente, l’1,3% in seguito ha avuto un infarto mentre solo lo 0,8% dei non consumatori di cannabis ha riportato lo stesso.
Alcune persone presumono che il consumo di cannabis sia sicuro e non possa danneggiare il tuo corpo, ma questo non è corretto, ha affermato l’autore principale dello studio Dr. Karim Ladha, medico-scienziato e anestesista del personale presso il St. Michael’s Hospital e l’Università di Toronto in Canada.
“Ci sono prove crescenti che questo potrebbe essere potenzialmente dannoso per te, sia a breve che a lungo termine”.
La cannabis venduta oggi sul mercato è anche molto più potente della cannabis venduta negli ultimi 50 anni, ha affermato Robert Page, presidente della dichiarazione scientifica sulla cannabis dell’American Heart Association. Page non era coinvolto nello studio.
“Questo non è quello che fumava tuo nonno a Woodstock; questo è molto potente”, ha detto.
Molte persone non sono consapevoli che la cannabis può avere interazioni negative con altri farmaci, ha aggiunto Page.
Come la maggior parte degli altri farmaci, la cannabis viene metabolizzata attraverso il fegato, il che significa che ha il potenziale per interagire con molti farmaci cardiovascolari come i fluidificanti del sangue, ha affermato.
La ricerca dell’AHA descrive anche i potenziali benefici dell’uso della cannabis per alleviare il dolore e altri scopi medici, ma le conseguenze negative non dovrebbero essere ignorate, ha affermato il coautore dello studio, il dott. David Mazer, anestesista al St. Michael’s Hospital e professore nei dipartimenti di anestesia. e fisiologia presso l’Università di Toronto in Canada.
Sia i consumatori di cannabis che i loro operatori sanitari dovrebbero “bilanciare i rischi e i benefici della cannabis nel loro contesto specifico”, ha affermato Mazer.

Altre News

Articoli Correlati