Dati Covid in tempo Reale

All countries
240,190,120
Confermati
Updated on 14 October 2021 18:56
All countries
215,766,611
Ricoverati
Updated on 14 October 2021 18:56
All countries
4,893,211
Morti
Updated on 14 October 2021 18:56

Ex Alcoa; Uilm: “Restano ancora tanti aspetti da chiarire”

- Advertisement -
- Advertisement -

Agenpress. “Nell’incontro di questa mattina abbiamo appreso che si dovrà aspettare ancora alcune settimane per l’approvazione delle delibere degli operatori finanziari-assicurativi, interessati nell’operazione delle garanzie per il progetto di riavvio della produzione di alluminio, per poter consentire a SiderAlloys di firmare il contratto con Enel per la fornitura di energia. Unica nota positiva è che abbiamo avuto conferma che il problema delle garanzie e del contratto è superato”.

Lo dichiarano Guglielmo Gambardella, Coordinatore nazionale Uilm del settore siderurgico, e Renato Tocco, Segretario territoriale Uilm Sulcis, al terminine della riunione svoltasi oggi  in audio conferenza tenutasi oggi con la partecipazione della sottosegretaria Alessandra Todde e Giorgio Sorial per il MiSE, i rappresentanti di Invitalia, Regione Sardegna e SiderAlloys.

“Abbiamo ribadito la nostra insofferenza rispetto alla necessità di aspettare ulteriore tempo per la firma definitiva – aggiungono Gambardella e Tocco – ma almeno la multinazionale svizzera ha confermato la sua volontà in una sede istituzionale. Per la Uilm resta un’insofferenza che riporta l’insostenibilità da parte della maggioranza dei lavoratori ex Alcoa nel vedersi ancora una volta rinviato il loro rientro in fabbrica e continuare a restare con un sussidio di poco superiore ai 400 euro”.

“Abbiamo chiesto a SiderAlloys che da subito si impegni ad aggiornare il crono programma del progetto di revamping – continuano – per essere pronti a ripartire alla sua realizzazione un attimo dopo la firma del contratto con Enel”.

“Restano ancora tanti aspetti da chiarire su questa drammatica vicenda – concludono – a partire dai lavori di pre revamping che l’azienda ha dichiarato di aver eseguito ma di cui non abbiamo avuto fino ad oggi evidenza. Speriamo che, nella prossima riunione che verrà convocata dal Mise nelle prossime settimane, non ci siano ulteriori sorprese e si possa mettere la parola fine a questa lunga e logorante vertenza”.

Altre News

Articoli Correlati