Dati Covid in tempo Reale

All countries
196,155,917
Confermati
Updated on 28 July 2021 12:54
All countries
176,086,148
Ricoverati
Updated on 28 July 2021 12:54
All countries
4,196,672
Morti
Updated on 28 July 2021 12:54

Fondi Lega. Sostegni rimane in carcere e collabora. “Scoperchio pentolone assurdo”

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – Deve restare in carcere Luca Sostegni, presunto prestanome fermato mercoledì nella vicenda della compravendita a prezzo gonfiato di un immobile a Cormano, nel Milanese, per la Lombardia Film Commission, partecipata della Regione. Lo ha deciso il gip di Milano Giulio Fanales che ha convalidato il fermo e disposto la custodia cautelare come richiesto dall’aggiunto Eugenio Fusco e dal pm Stefano Civardi. Sostegni è accusato di peculato, estorsione e l’inchiesta vede indagati anche 3 commercialisti vicini alla Lega.

Il 9 giugno Luca Sostegni”spiegava telefonicamente” a Michele Scillieri, suo ‘dominus’, “come non comprendesse la ragione per la quale” Alberto Di Rubba e Andrea Manzoni, commercialisti vicini alla Lega, “preferissero, per risparmiare ‘pochi soldi’, fare ‘scoperchiare il pentolone, che può fargli danni assurdi’”. Lo scrive il gip Fanales nell’ordinanza a carico di Sostegni accusato anche di estorsione perché avrebbe ottenuto soldi in cambio del suo silenzio. Da ieri ha iniziato a collaborare coi pm.

L’operazione che portò la Lombardia Film Commission a comprare a prezzo gonfiato un immobile ha “natura sostanzialmente appropriativa, concretizzando di fatto l’impossessamento” da parte dell’allora presidente Alberto Di Rubba, commercialista e ex revisore contabile della Lega, “e dei suoi sodali, del capitale giacente sul conto della fondazione, vincolato alla destinazione pubblicistica e versato alla società Immobiliare Andromeda”, gestita da Michele Scillieri, scrive ancora il gip Fanales.

L’operazione immobiliare, scrive il gip, è priva di “una reale giustificazione economica” e si presenta, invece, come uno “schermo giuridico dietro al quale occultare l’unico intendimento perseguito, ossia la distrazione del fondo erogato dall’ente pubblico” a “favore dell’allora presidente Di Rubba e dei suoi complici”. La Regione aveva stanziato 1 milione di euro e dalle casse della fondazione uscirono 800mila euro per comprare l’immobile da Andromeda, che poco prima l’aveva acquistato per 400mila euro dalla società Paloschi, di cui era liquidatore Sostegni.

Altre News

Articoli Correlati