Dati Covid in tempo Reale

All countries
194,833,693
Confermati
Updated on 26 July 2021 03:50
All countries
175,050,857
Ricoverati
Updated on 26 July 2021 03:50
All countries
4,175,129
Morti
Updated on 26 July 2021 03:50

India. Entra nel Tempio per bere acqua. 14enne picchiato. E’ vietato ai musulmani

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPressUn ragazzo musulmano di 14 anni è stato picchiato per essere entrato in un tempio per bere acqua, con l’accusato che ha realizzato e diffuso un video della brutale aggressione, durante la quale il ragazzo viene schiaffeggiato e ripetutamente preso a calci nei genitali. Dopo che il video è stato diffuso online, la polizia di Ghaziabad ha preso conoscenza e ha arrestato due uomini: il principale accusato Shringi Nandan Yadav e il suo socio Shivanand.

“Il principale imputato è stato arrestato poco dopo che l’incidente è stato portato alla luce. Qualsiasi persona trovata a dedicarsi ad attività antisociali dovrà affrontare un’azione severa da parte della polizia “, ha detto Kalanidhi Naithani, SSP, Ghaziabad.

Il video mostra Yadav che afferra la mano del ragazzo e chiede il suo nome e il motivo per cui si trovava al tempio. Il ragazzo gli dice il nome suo e di suo padre e dice che era venuto a bere dell’acqua. L’imputato poi schiaffeggia ripetutamente il minore, lo prende a calci all’inguine e continua ad aggredirlo.

Il tempio in cui il ragazzo è stato picchiato ha una tavola all’esterno che dice: “Ye mandir Hinduon ka pavitr sthal hai, yahan Musalmanon ka pravesh varjit hai (Questo tempio è un luogo sacro per gli indù, è vietato ai musulmani entrare). Per ordine di Narsinghan e Saraswati. “

Il video è stato inizialmente caricato su un handle di Instagram chiamato Hindu Ekta Sangh, presumibilmente gestito da persone note agli accusati. Lo stesso account, che ora è stato rimosso, includeva anche un altro video intitolato “mullon ki pitai” in cui si vede Yadav molestare un uomo.

Secondo la polizia, Yadav proviene dal Bihar e si è trasferito a Ghaziabad più di sei mesi fa. In UP, stava facendo “sewa” al Tempio di Dasna Devi e si identifica come un discepolo di Yati Narsinghan e Saraswati, un predicatore di destra e il custode del tempio.

Un uomo che si offre volontario al tempio ha detto: “Shringi, come molti altri, sarebbe rimasto al tempio per ore. Ci sono molti doveri che devono essere svolti qui come distribuire prasad o prepararsi per i rituali … Sembra che il ragazzo musulmano sia entrato nel tempio nonostante le istruzioni che non gli erano consentite. Questo avrebbe potuto portare all’alterco”.  La gente del posto ha detto che il consiglio è attivo da più di mezzo decennio.

Il padre del ragazzo ha detto: “Era in zona quando aveva sete. Vide un colpetto al tempio e iniziò a bere quando fu tenuto da loro. È stato picchiato duramente e umiliato. L’acqua ha una religione? Non credo che esista una religione che possa rifiutare l’acqua a una persona assetata “.

La famiglia soggiorna in un monolocale in affitto e il ragazzo lavora occasionalmente nei negozi per aumentare il reddito familiare. “Il tempio era aperto a tutti, ma negli ultimi anni le cose sono cambiate. Speriamo che nostro figlio ottenga giustizia e che queste persone non attacchino un altro bambino “, ha detto il padre.

Anil Yadav del comitato di gestione del tempio ha detto che aiuteranno Shringi Yadav con l’assistenza legale. “Il tempio si assume la piena responsabilità dell’incidente. C’è una cospirazione; quel ragazzo non era solo … La gente della zona vuole solo viziare l’atmosfera. Stiamo estendendo la cooperazione con la polizia. Shringi è un ingegnere che ha perso il lavoro durante il Covid. Ha guardato i nostri video e ha deciso di aiutarci nel tempio gestendo la nostra cellula IT. È un brav’uomo; ci assicureremo che sia libero “,

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un ragazzo di 14 anni era entrato in un tempio Hindu per bere, quando due uomini che lo hanno visto, lo hanno picchiato per punirlo del gesto.

Per questo sono stati arrestati a Ghaziabad, nello stato dell’ Uttar Pradesh, nell’India del nord.

Il video dell’aggressione, diffuso su Instagram e immediatamente rilanciato sui social, ha suscitato un’ondata di indignazione nel paese: nel filmato si vede uno dei due uomini che picchia brutalmente il quattordicenne, mentre il complice lo filma. Le associazioni dei diritti civili manifestano preoccupazione per l’aumento di episodi di violenza in Uttar Pradesh: secondo Human Rights Watch, nello stato le violenze contro le minoranze, in particolare, contro i musulmani, da parte di gruppi di estremisti indù sono in preoccupante crescita. Numerosi templi indiani vietano l’accesso ai non indù: il quotidiano The Indian Express scrive che all’entrata di quello di Ghaziabad, teatro dell’aggressione “punitiva” un cartello porta la scritta: “vietato l’ingresso ai musulmani”.

Altre News

Articoli Correlati