Ucraina. Anche gli animali vittime di guerra. Luna, pastore tedesco che ha rischiato di morire di fame

- Advertisement -

AgenPress – Un pastore tedesco disidratato si trova sul tavolo operatorio di Jakub Kotowicz, il suo tumore che sporge da una delle sue ghiandole mammarie.

Chiamata Luna dallo staff della fondazione ADA – un rifugio per animali senza uccisioni a Przemysl, in Polonia, a soli 30 minuti dal confine con l’Ucraina – è uno dei tanti animali che sono stati sfollati dall’invasione russa dell’Ucraina .

- Advertisement -

“Dobbiamo rimuovere questo tumore, dovrà sottoporsi a un intervento chirurgico”, dice il dottor Kotowicz mentre accarezza la testa di Luna. “Odio vederli soffrire in questo modo.”

Negli ultimi giorni, i membri dello staff della Fondazione ADA hanno rischiato la vita guidando in Ucraina per aiutare a svuotare i rifugi, dove gli animali rischiano di essere abbandonati e poi morire di fame mentre la guerra li circonda.

“Lei è in pessime condizioni”, dice Kotowicz, mentre cerca di prelevare sangue.
Luna è disidratata, quindi è difficile trovare una vena.
Ma lei ha problemi molto più grandi. Un cane più anziano, ha un tumore che sporge da una delle sue ghiandole mammarie.
Un altro veterinario la tiene ferma mentre il dottor Kotowicz riesce a prelevare sangue dal suo corpo disidratato. Quindi inizia sulle sue orecchie, scavando una grande quantità di cera e terra crivellata di acari.
In fondo al corridoio, ci sono tutta una serie di cani e gatti, la maggior parte dei quali portati da un enorme camion appena tornato dalle zone dell’Ucraina dilaniate dalla guerra.
In tempi normali, ADA Foundation fornisce assistenza a qualsiasi animale ferito o abbandonato, non solo cani e gatti. Il rifugio non solo offre assistenza medica per gli animali, ma aiuta anche a socializzare in modo che gli animali affidati alla loro cura possano essere adottati e gli animali selvatici possano essere liberati.
In un’altra stanza alle fondamenta, altre storie di guerre di animali. Una bambina tiene in braccio una piccola capra di nome Sasha su un soffice letto caldo fatto apposta per lui. 
Sasha ha avuto un grave problema alle gambe che i veterinari dell’ADA hanno riparato. Le piccole zampe anteriori di Sasha sono legate con del nastro di garza. 

Jakub Kotowicz ama così tanto gli animali che ha deciso di voler passare la vita a curarli.

Ma il veterinario polacco non avrebbe mai pensato che sarebbe stato improvvisamente inondato di animali salvati da una guerra nella porta accanto.
Kotowicz è con la fondazione ADA, un rifugio per animali senza uccisioni a Przemysl, in Polonia, a soli 30 minuti dal confine con l’Ucraina.
Da quando le bombe hanno iniziato a cadere in Ucraina , lui, gli altri veterinari e il personale non hanno dormito molto perché la necessità di trovare riparo per gli animali sfollati non è diminuita.
I membri dello staff della fondazione ADA stanno rischiando la vita guidando in Ucraina per aiutare a svuotare i rifugi e stanno offrendo spazio e servizi veterinari per gli animali che i rifugiati non possono tenere con loro o portare oltre il confine. Gli animali del rifugio rischiano di essere abbandonati e poi morire di fame mentre la guerra li circonda.
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati