Rider. Cassazione. “Applicare le tutele del lavoro subordinato, come previsto dal Jobs Act”

416

Agenpress – La Cassazione non solo ha respinto il ricorso avanzato da Foodinho, che ha ereditato dal colosso del food delivery Foodora (in liquidazione) la causa pilota che un gruppo di lavoratori aveva avviato davanti al tribunale di Torino, ma ha addirittura aggiunto un tassello importante sulla tutela dei ciclofattorini stabilendo che vanno trattati come  dipendenti e non come lavoratori autonomi.

“Si applica la disciplina del lavoro subordinato come previsto dal Jobs Act, nella “forma ibrida” delle “collaborazioni organizzate dal committente”,  tutte le volte in cui la prestazione del collaboratore abbia carattere esclusivamente personale e sia svolta in maniera continuativa nel tempo e le modalità di esecuzione della prestazione, anche in relazione ai tempi e al luogo di lavoro, siano organizzate dal committente”.

“Dal primo gennaio 2016 – ha spiegato la sezione Lavoro della Cassazione (sentenza n. 1663) – si applica la disciplina del rapporto di lavoro subordinato tutte le volte in cui la prestazione del collaboratore abbia carattere esclusivamente personale e sia svolta in maniera continuativa nel tempo e le modalità di esecuzione della prestazione, anche in relazione ai tempi e al luogo di lavoro, siamo organizzate dal committente”.

Questo perché, spiegano i giudici, “quando l’etero-organizzazione, accompagnata dalla personalità e dalla continuità della prestazione, è marcata al punto da rendere il collaboratore comparabile ad un lavoratore dipendente, si impone una protezione equivalente e, quindi, il rimedio dell’applicazione integrale della disciplina del lavoro subordinato. Si tratta di una scelta politica legislativa volta ad assicurare al lavoratore la stessa protezione di cui gode il lavoratore subordinato, in coerenza con l’approccio generale della riforma, al fine di tutelare prestatori evidentemente ritenuti in condizione di ‘debolezza’ economica, operanti in una ‘zona grigia’ tra autonomia e subordinazione, ma considerati meritevoli comunque di una tutela omogenea”.