Fase 3, Tovaglieri (Lega), disparità trattamento spostamenti Ue ed extra Ue, interrogazione a Commissione

822

AgenPress. “Con il lockdown alle spalle, ancora troppe incertezze negli spostamenti tra Paesi. La riapertura delle frontiere post-picco della pandemia si presenta particolarmente complessa per quei lavoratori che, a diverso titolo o ragione, hanno bisogno di spostarsi fra Paesi per le loro prestazioni professionali. Per loro, seguire le attuali regole in materia sanitaria nei vari Paesi, spesso diverse, è molto complesso e costoso.

Nonostante la riapertura delle frontiere, permane incertezza riguardo a disparità di trattamento, quarantene e documentazioni da presentare; analoga incertezza riguarda i Paesi extra Ue. Ho presentato un’interrogazione alla Commissione europea per sapere se sia al corrente della situazione, come intenda attivarsi per risolvere questo insieme di disparità di trattamento che ostacolano il movimento dei lavoratori in questa fase di ripresa, nonché se possa coordinare iniziative per permettere ai lavoratori europei di uscire e rientrare nella zona Ue senza dover affrontare oneri ulteriori, nel rispetto della sicurezza e della salute”.

Così in una nota Isabella Tovaglieri, europarlamentare della Lega.