Carcere per chi uccide animali: “Modificate subito la legge e vi sosterremo”

SENATORE PERILLI INCONTRA A PALAZZO MADAMA IL PARTITO ANIMALISTA EUROPEO

13093

AgenPress. Si è concluso da poco l’incontro richiesto dal Senatore Gianluca Perilli, Capogruppo al Senato del M5s, con i rappresentanti del Partito Animalista Europeo, afferente alla nostra richiesta di revisione della cornice edittale della pena con la certezza del carcere per chi si macchia di efferati  delitti contro gli animali.

Presenti negli uffici del Gruppo M5s, il Senatore Gianluca Perilli, primo firmatario del DDL n.1078 “Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e al codice civile, nonché altre disposizioni in materia di tutela degli animali”,  il Senatore Arnaldo Lomuti, Vice presidente 2° Commissione Giustizia Senato nonché relatore del Disegno di Legge in oggetto, il Presidente del Partito Animalista Europeo, Stefano Fuccelli ed il Capo segreteria nazionale PAE, Enrico Rizzi.

“L’incontro della durata di oltre due ore è stato proficuo ed ha suscitato l’interesse del Senatore Perilli nel prendere in considerazione la nostra richiesta di innalzamento delle pene nel limite massimo al fine di garantire la certezza del carcere per chi sevizia ed uccide animali. Allo stato attuale con la vigente legge 189/2004 nessun condannato ha mai scontato un giorno di galera e la responsabilità è ascrivibile esclusivamente al legislatore. – dichiara Fuccelli -.

Il DDL 1078 attualmente è il progetto più complesso ed articolato tra quelli presentati da senatori e deputati di tutti i partiti dell’arco parlamentare, pertanto se il Senatore Perilli accoglierà la nostra istanza di modifica , saremo pronti a sostenerlo politicamente.  Tale dialogo avviene a distanza di una settimana dalla manifestazione di Piazza Montecitorio, che ha visto una straordinaria mobilitazione di cittadini da tutta Italia e dalla contestuale consegna della nostra proposta di legge sottoscritta dal oltre 330 mila cittadini al Presidente del Consiglio dei Ministri, a significare una apertura ed un avvicinamento della politica alle lotte di piazza. – conclude il Presidente del PAE – .

Attualmente siamo l’unico movimento animalista a riempiere le piazze in un giorno feriale e non solo virtualmente sui social, rappresentiamo una parte significativa dell’opinione pubblica sensibile alle tematiche animaliste, per questi motivi è stato accreditato l’incontro a Palazzo Chigi con il rappresentante del Premier Conte e la conseguente trattativa a Palazzo Madama con il Capogruppo al Senato del M5s, Perilli  al fine di ottenere in tempi brevi quelle modifiche di legge necessarie per garantire la certezza del carcere per chi si macchia dei delitti efferati contro gli animali . L’impegno c’è, saranno i fatti a parlare”