Simit: la Francia sbaglia sulla durata della quarantena

"Potremmo correre troppi rischi. Occorre invece riconsiderare la durata dell'isolamento". La posizione degli infettivologi italiani

677

La SIMIT – Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali interviene sulla polemica sulla durata della quarantena criticando la proposta francese e sull’isolamento di guariti e asintomatici per i quali non ritiene necessario il doppio tampone


AgenPress. “Gli eventuali casi di infezione asintomatici che uscirebbero dalla mini-quarantena di 7 giorni potrebbero essere ancora contagiosi, invece una quarantena di 14 giorni rappresenta il compromesso ideale fra tempo di incubazione e periodo di infettività” sottolinea Marcello Tavio, Presidente SIMIT

La SIMIT – Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali interviene sulla recente presa di posizione delle autorità sanitarie francesi di voler ridurre la quarantena dei soggetti esposti a caso di COVID da 14 a 7 giorni. “Questa disposizione potrebbe anche aggravare la situazione epidemiologica transalpina – sottolinea Marcello Tavio, Presidente SIMITProviamo a spiegare il perché. La durata della quarantena dipende dal tempo di incubazione e non dalla durata dell’infettività. Gli eventuali casi di infezione asintomatici che uscirebbero dalla mini-quarantena di 7 giorni potrebbero essere ancora contagiosi, invece una quarantena di 14 giorni, che includa i primi giorni di incubazione e gli eventuali giorni successivi di isolamento, rappresenta il compromesso ideale fra tempo di incubazione e periodo di infettività”.

La SIMIT richiede con forza che siano invece considerati i criteri OMS per la sospensione dell’isolamento dei casi COVID guariti o asintomatici” aggiunge Tavio.

 Nei casi COVID guariti o asintomatici dovrebbe essere eliminato l’obbligo del doppio tampone per il ritorno alla vita di comunità, in famiglia o al lavoro – evidenzia il Professor Emanuele Nicastri, direttore della divisione Malattie infettive dello Spallanzani – Questa semplice misura, universalmente accettata, permetterebbe di alleggerire notevolmente il carico di lavoro dei laboratori, dei medici ed infermieri del territorio e delle strutture ospedaliere, e di risparmiare sofferenze per le persone inutilmente isolate per settimane a domicilio o in ospedale”.