Nyp. “Figlio Biden ha cercato incassare soldi da azienda cinese per conto della famiglia”

942

AgenPress – Hunter Biden ha perseguito accordi redditizi che coinvolgono la più grande azienda energetica privata cinese, inclusa una che, secondo lui, sarebbe stata “interessante per me e la mia famiglia”, le e-mail ottenute da New York Post.

Un’e-mail inviata a Biden il 13 maggio 2017, con oggetto “Aspettative”, includeva i dettagli dei “pacchetti retributivi” per sei persone coinvolte in un’impresa commerciale non specificata.

Biden è stato identificato come “Presidente / Vicepresidente a seconda dell’accordo con CEFC”, un apparente riferimento all’ex conglomerato CEFC China Energy Co. con sede a Shanghai.

La sua paga era fissata a “850” e l’e-mail indicava anche che “Hunter ha alcune aspettative in ufficio che elaborerà”.

Inoltre, l’e-mail delineava un “accordo provvisorio” in base al quale l’80% del “capitale” o delle azioni della nuova società sarebbe stato diviso equamente tra quattro persone le cui iniziali corrispondono al mittente e tre destinatari, apparentemente con “H” riferendosi a Biden.

Email showing 'great expectations.'

L’accordo includeva anche “10 Jim” e “10 detenuti da H per il ragazzo grande?”

Né Jim né il “ragazzo grande” sono stati ulteriormente identificati.

L’autore dell’e-mail, James Gilliar della società di consulenza internazionale J2cR, ha anche osservato: “Sono felice di sollevare qualsiasi dettaglio con Zang se ci sono [sic] carenze?”

“Zang” è un apparente riferimento a Zang Jian Jun, l’ex direttore esecutivo della CEFC China.

L’e-mail è contenuta in una raccolta di dati che il proprietario di un’officina di riparazione di computer nel Delaware ha dichiarato essere stati recuperati da un laptop MacBook Pro che è stato lasciato nell’aprile 2019 e mai recuperato.

Il computer è stato sequestrato dall’FBI e una copia del suo contenuto fatta dal proprietario del negozio è stata condivisa con The Post questa settimana dall’ex sindaco Rudy Giuliani.

Un’altra e-mail – inviata da Biden come parte di una catena del 2 agosto 2017 – riguardava un accordo che ha stretto con il presidente scomparso del CEFC, Ye Jianming, per la metà della proprietà di una holding che avrebbe dovuto fornire a Biden più di $ 10 milioni all’anno.

Ye, che aveva legami con i servizi militari e di intelligence cinesi, non è stato visto da quando è stato preso in custodia dalle autorità cinesi all’inizio del 2018 e il CEFC è fallito all’inizio di quest’anno, secondo i rapporti.

Biden ha scritto che Ye aveva addolcito i termini di un precedente contratto di consulenza triennale con CEFC che era di pagarlo $ 10 milioni all’anno “solo per le presentazioni”.

“Il presidente ha cambiato l’accordo dopo che siamo entrati a MIAMI IN UN ACCORDO MOLTO PIÙ DURATURO E LUCRATIVO per creare una holding al 50% [sic] di proprietà di ME e al 50% di sua proprietà”, ha scritto Biden.

E-mail su un accordo redditizio.

“Le commissioni di consulenza sono una parte del nostro flusso di entrate, ma il motivo per cui questa proposta del presidente è stata molto più interessante per me e la mia famiglia è che saremmo anche partner in [sic] l’equità e i profitti della [joint venture] della JV investimenti. ”

Una foto datata 1 agosto 2017, mostra un diagramma di flusso scritto a mano della proprietà di “Hudson West” divisa al 50/50 tra due entità controllate da Hunter Biden e qualcuno identificato come “Presidente”.

Questo è il diagramma di flusso

Secondo un rapporto sugli affari esteri di Biden pubblicato il mese scorso dal senatore Ron Johnson (R-Wis.) E dal senatore Chuck Grassley (R-Iowa), una società chiamata Hudson West III ha aperto una linea di credito a settembre 2017.

Le carte di credito emesse a fronte del conto sono state utilizzate da Hunter, da suo zio James Biden e dalla moglie di James, Sara Biden, per acquistare articoli stravaganti per un valore superiore a $ 100.000, inclusi biglietti aerei e articoli multipli presso negozi Apple Inc., farmacie, hotel e ristoranti “, afferma il rapporto.

La società da allora è stata sciolta e lo studio legale di Hunter Biden, Owasco PC, era uno dei due proprietari, secondo il rapporto.

L’e-mail di Biden è stata inviata a Gongwen Dong, che il Wall Street Journal nell’ottobre 2018 ha legato all’acquisto da parte di società collegate a Ye di due appartamenti di lusso a Manhattan per un totale di 83 milioni di dollari.

Dong, che possiede un’enorme villa a Great Neck, LI, è stato identificato nei rapporti come CFO del Kam Fei Group, una società di investimento con sede a Hong Kong.

I documenti ottenuti da The Post includono anche una “Lettera di incarico dell’avvocato” eseguita nel settembre 2017 in cui uno dei principali luogotenenti di Ye, l’ex funzionario del governo di Hong Kong Chi Ping Patrick Ho, ha accettato di pagare a Biden un importo di $ 1 milione per “Consulente per le questioni relative alla legge degli Stati Uniti e alla consulenza relativa all’assunzione e all’analisi giuridica di qualsiasi studio legale o avvocato statunitense. ”

Nel dicembre 2018, una giuria federale di Manhattan ha condannato Ho in due piani per pagare 3 milioni di dollari in tangenti a funzionari governativi di alto rango in Africa per i diritti petroliferi in Ciad e lucrosi affari in Uganda.

E-mail sull'accordo

Fonte

nypost.com