Coronavirus. Nuovo Dpcm, Gregori (PD): “Non siano imprese a pagare conseguenze. Serve responsabilità”

255

AgenPress. Il coronavirus ha inciso fortemente sull’economia laziale e romana, come in tutta Italia: turismo e strutture ricettive, ristorazione e tutto il comparto del commercio e dell’artigianato ne stanno risentendo fortemente. L’allarme è alto ma vanno mantenute la calma e l’obiettivita’ – cosi in una nota Augusto Gregori, membro della Segreteria e Responsabile Industria Commercio Artigianato e Turismo del Partito  Democratico del Lazio.

Sopratutto ora che il Governo metterà in atto nuovi interventi restrittivi -continua Gregori- dobbiamo pensare a tutti gli imprenditori che hanno investito molto per adeguarsi ai protocolli richiesti, modificando le modalità di lavoro, rivedendo gli spazi interni dei locali e acquistando materiali per garantire salute e sicurezza, sia ai lavoratori, sia a chi usufruisce del servizio che offrono. Non possiamo far pagare a loro le conseguenze dell’aumento dei contagi.

L’auspicio -conclude l’esponente PD- è che le istituzioni uniscano le forze, per mettere in campo azioni strategiche che definiscano un percorso non solo di aiuto immediato ma di sviluppo strategico che tuteli le nostre imprese, che generino lavoro e benessere nei singoli territori, a partire dalle grandi città per arrivare a ognuno dei nostri meravigliosi borghi.

Detto ciò, ognuno di noi deve continuare ad agire sempre con buonsenso e mantenere sempre il più alto senso di responsabilità.