Sisto (FI): “Recovery Plan è stato scritto solo per far sopravvivere il governo”

116

AgenPress. Francesco Paolo Sisto, deputato di Forza Italia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus.

Sull’incremento dei fondi della sanità nel Recovery Plan. “Questo incremento serve solo a non far cadere il governo sul Mes sanitario, quei miliardi andavano utilizzati diversamente perché per la sanità bisogna utilizzare il Mes –ha affermato Sisto-. Il Mes non è stato valutato e il Recovery Plan è stato scritto semplicemente per far sopravvivere il governo, questo è assurdo e vergognoso”.

Sul dpcm. “Purtroppo c’è una dittatura di fatto, perché i dpcm sono uno strumento che consente a Conte di dribblare i controlli del Parlamento e della Consulta. E’ un governo liberato da qualunque controllo legislativo”.

Sulla crisi di governo. “Io alla crisi non credo, Renzi vuole solo altri due ministri per continuare a ricattare il governo. Mattarella certamente non vuole che in questo momento ci sia una crisi di governo, ma Renzi è insensibile, è un mercante toscano spregiudicato, alzerà il tiro finchè non avrà ciò che vuole”.

 Sull’opposizione. “Parlando di Forza Italia, Berlusconi forever and ever, è in gran forma, noi facciamo un’opposizione responsabile. Abbiamo scritto 240 pagine di proposte per il Recovery Plan. Abbiamo le idee molto chiare su ciò che si deve fare. Governo di unità nazionale? Noi il governo Conte non lo sosterremo mai, questo deve essere chiaro. Conte è un presidente del Consiglio impresentabile, uno che riesce a governare con Lega e PD. Era meglio il governo gialloverde, perché il Pd ha sfarinato il M5S, questa contaminazione reciproca tra i due partiti non ha fatto bene né ad uno ne all’altro. Noi siamo al 10,5% nei sondaggi, il M5S è al 14%. Questo dà l’idea di quanto faccia male governare senza programmi. Qui ci vuole competenza. Io quando vedo certi ministri mi incazzo, non è possibile pensare che il Paese sia nelle mani di gente così incompetente”.