Cina a Usa. Via dazi e sanzioni per ritorno alla cooperazione

37

AgenPress – Il consigliere di stato cinese e il ministro degli esteri Wang Yi ha invitato i politici statunitensi ad abbandonare i pregiudizi, a rinunciare a sospetti ingiustificati e ad agire per riportare la politica cinese alla ragione per garantire uno sviluppo sano e costante delle relazioni Cina-USA.

Wang ha fatto le osservazioni pronunciando un discorso all’apertura del Forum Lanting a Pechino, con il tema “Promuovere il dialogo e la cooperazione e gestire le differenze: riportare le relazioni Cina-USA sulla strada giusta”.

Cinquant’anni fa, il dottor Henry Kissinger ha compiuto la visita rompighiaccio in Cina e, con straordinaria risolutezza politica, i leader di Cina e Stati Uniti hanno riaperto insieme la porta dell’interazione che era stata chiusa per decenni, ha detto Wang.

Tuttavia, negli ultimi anni, le relazioni Cina-Stati Uniti si sono discostate dal binario normale e hanno incontrato le maggiori difficoltà dall’instaurazione dei rapporti diplomatici, ha detto, aggiungendo che la causa principale era che la precedente amministrazione statunitense, per conto suo esigenze politiche, hanno seriamente distorto il percorso e la politica futuri della Cina, e su questa base hanno adottato varie misure per sopprimere e contenere la Cina, il che ha inflitto danni incommensurabili alle relazioni bilaterali.

“Cinquant’anni dopo oggi, dobbiamo, con il senso di responsabilità per i due paesi e per il mondo, prendere ancora una volta la decisione ragionevole e giusta”, ha detto.

Notando che i presidenti dei due paesi hanno avuto la loro prima telefonata alla vigilia del capodanno lunare, Wang ha detto che l’importantissima telefonata ha orientato le relazioni Cina-Stati Uniti che stavano lottando per accertare i propri orientamenti a un bivio e ha inviato il primo incoraggiante novità di questa primavera per i due paesi e per il mondo intero.

Affermando che la nuova amministrazione statunitense sta rivedendo e valutando la sua politica estera, ha invitato gli Stati Uniti ad abbandonare i pregiudizi, a rinunciare a sospetti ingiustificati e ad agire per riportare la politica cinese alla ragione per garantire uno sviluppo sano e costante di Cina-USA relazioni.

Ha sottolineato, inoltre,  l’importanza di intensificare il dialogo e gestire adeguatamente le differenze, affermando che attualmente entrambe le parti dovrebbero dare seguito alla telefonata tra i due presidenti alla vigilia del capodanno cinese, agire nell’interesse fondamentale dei due popoli, assumere un atteggiamento lungimirante, aperto e inclusivo e riattivare o stabilire meccanismi di dialogo in vari settori ea vari livelli.

“La Cina è, come sempre, aperta al dialogo. Siamo pronti ad avere una comunicazione schietta con gli Stati Uniti e ad impegnarci in un dialogo volto a risolvere i problemi”, ha detto Wang.

Ha invitato gli sforzi a muoversi nella stessa direzione per riavviare la cooperazione reciprocamente vantaggiosa, affermando che con l’emergere di problemi di hotspot regionali e sfide globali uno dopo l’altro, le aree per la cooperazione Cina-USA si stanno espandendo piuttosto che restringendosi e le prospettive di interazione si stanno piuttosto allargando che restringere.

“Ci auguriamo che gli Stati Uniti adeguino le proprie politiche il prima possibile, tra l’altro, rimuovano dazi irragionevoli sui beni cinesi, revocino le sanzioni unilaterali contro le società cinesi e gli istituti di ricerca e istruzione, e abbandonino la soppressione irrazionale del progresso tecnologico cinese, così come per creare le condizioni necessarie per la cooperazione Cina-USA “, ha detto, aggiungendo che la Cina è pronta a coordinare le politiche e lavorare con gli Stati Uniti nelle tre aree di COVID-19, cambiamento climatico e ripresa economica mondiale.

Wang ha sottolineato che è importante aprire la strada alla ripresa degli scambi bilaterali in tutte le aree, osservando che la Cina spera che gli Stati Uniti agiscano il prima possibile per rimuovere le restrizioni sui gruppi educativi e culturali cinesi, sui media e sulle istituzioni per affari cinesi d’oltremare negli Stati Uniti, rimuovere le barriere che impediscono ai governi subnazionali e ai settori sociali degli Stati Uniti di impegnarsi con la Cina e incoraggiare e sostenere la ripresa dei normali programmi di scambio tra università e istituti di ricerca.

“La Cina è pronta a lavorare con gli Stati Uniti con una mente aperta per creare un buon ambiente per gli scambi interpersonali”.