Usa. I repubblicani tengono in ostaggio gli aiuti all’Ucraina. Yellen, saremo responsabili della sua sconfitta

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – La mancata aggiunta di finanziamenti alla campagna militare di Kiev per respingere la Russia indebolirà la capacità dell’Ucraina di difendersi, ha detto Jake Sullivan, presidente nazionale della Casa Bianca consigliere per la sicurezza.

Intervenendo ad un forum del Wall Street Journal, ha affermato che se l’assistenza statunitense non fosse più disponibile, ciò danneggerebbe la capacità dell’Ucraina di mantenere il territorio.

Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, è volato a Washington DC nel tentativo di salvare un fondamentale pacchetto di aiuti militari da 61 miliardi di dollari.

 Zelensky incontrerà il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, così come i senatori degli Stati Uniti e il presidente della Camera repubblicana, Mike Johnson, mentre il Congresso si riunisce sul futuro sostegno finanziario americano allo sforzo bellico di Kiev.

I repubblicani tengono in ostaggio nuovi aiuti statunitensi all’Ucraina, sperando di ottenere vittorie politiche mentre Kiev intraprende una lotta esistenziale con la Russia. E mentre il tempo per un accordo stringe, la Casa Bianca, l’Ucraina e gli esperti lanciano l’allarme, sostenendo che se gli aiuti finiscono, l’Ucraina perderà la guerra.

Business Insider scrive che gli esperti hanno espresso preoccupazione per la presa in ostaggio degli aiuti statunitensi all’Ucraina, sottolineando la gravità della situazione.

“Se l’Occidente taglia gli aiuti all’Ucraina, la Russia vincerà”, ha detto a Business Insider George Barros, uno dei principali esperti di conflitti e capo del gruppo di intelligence geospaziale e analista russo presso l’Istituto per lo studio della guerra.

Mentre un gruppo di paesi partner, composto principalmente da membri della NATO, contribuisce agli aiuti all’Ucraina, gli Stati Uniti fanno la parte del leone negli aiuti e spesso svolgono un ruolo di primo piano. Tuttavia, secondo l’Ukraine Support Tracker del Kiel Institute of World Economy, il sostegno a Kiev da parte di tutti i paesi partner è diminuito in modo significativo dall’agosto 2023.

“Da agosto a ottobre 2023, l’importo dei nuovi aiuti ha raggiunto un nuovo minimo, un calo di quasi il 90% rispetto allo stesso periodo del 2022. Attualmente l’Ucraina fa sempre più affidamento sul principale gruppo di donatori, come gli Stati Uniti, la Germania e i paesi dell’Europa settentrionale e orientale, che continuano a promettere e fornire sia assistenza finanziaria che armi importanti, ad esempio aerei da combattimento F-16, ” scrive l’istituto in un recente rapporto.

Il segretario al Tesoro americano Janet Yellen ha affermato che Gli Stati saranno responsabili della sconfitta dell’Ucraina se il Congresso non approverà la richiesta dell’Amministrazione del presidente Joe Biden.

Allo stesso tempo, la Casa Bianca ha lanciato un appello urgente al Congresso chiedendogli di fornire assistenza all’Ucraina. La direttrice dell’Ufficio americano per la gestione e il bilancio, Shalanda Young, ha inviato una lettera urgente al Congresso, in cui sottolinea che le risorse per il sostegno militare dell’Ucraina negli Stati Uniti saranno completamente esaurite entro la fine dell’anno solare.

- Advertisement -

Potrebbe Interessarti

- Advertisement -

Ultime Notizie

- Advertisement -