Dati Covid in tempo Reale

All countries
229,835,231
Confermati
Updated on 21 September 2021 05:05
All countries
204,795,053
Ricoverati
Updated on 21 September 2021 05:05
All countries
4,713,636
Morti
Updated on 21 September 2021 05:05

Afghanistan. Conferenza 300 donne a sostegno dei talebani. Siamo contro quelle che protestano

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – 300 donne afghane  filo-talebane hanno partecipato oggi a una conferenza all’Università di Kabul indossando il velo integrale a sostegno delle politiche intransigenti del nuovo regime sulla segregazione di genere.

Coperte dalla testa ai piedi in conformità con le nuove rigorose politiche di abbigliamento per l’istruzione, hanno sventolato bandiere bianche dei talebani mentre gli oratori criticavano l’Occidente ed esprimevano sostegno alle politiche islamiste.

Una manciata indossava burqa blu, che hanno solo una piccola finestra a rete per la visione, ma la maggior parte indossava niqab neri che coprivano la maggior parte del viso tranne gli occhi.

Molti indossavano anche guanti neri.

I diritti delle donne in Afghanistan sono stati severamente limitati sotto il dominio dei talebani dal 1996 al 2001, ma da quando sono tornate al potere il mese scorso, hanno affermato che attueranno una regola meno estrema.

Questa volta, le donne potranno frequentare l’università purché le classi siano divise per sesso o almeno divise da un sipario, ha affermato l’autorità educativa talebana.

Devono anche indossare un abito abaya e niqab.

Le donne, che secondo gli organizzatori erano studentesse, hanno ascoltato una serie di discorsi alla Shaheed Rabbani University of Education della capitale, Kabul.

Grandi bandiere talebane hanno fiancheggiato il podio, mentre gli oratori hanno criticato le donne che hanno protestato in tutto l’Afghanistan negli ultimi giorni.

Hanno anche difeso il nuovo governo dell’Emirato islamico dell’Afghanistan, che ha vietato le manifestazioni senza il permesso del ministero della Giustizia.

Daud Haqqani, direttore degli affari esteri presso il ministero dell’Istruzione, ha affermato che la protesta è stata organizzata dalle donne, che avevano chiesto e ottenuto il permesso di manifestare.

Combattenti talebani hanno fatto la guardia fuori da una stanza durante una riunione studentesca in vista di un raduno pro-talebani presso la Shaheed Rabbani University of Education a Kabul l’11 settembre 2021

“Siamo contro quelle donne che protestano per le strade, sostenendo di essere rappresentative delle donne”, ha detto il primo oratore, coperto dalla testa ai piedi.

‘È libertà amare l’ultimo governo? No, non è libertà. L’ultimo governo abusava delle donne. Stavano reclutando donne solo per la loro bellezza “, ha detto.

Alcuni tra il pubblico tenevano in braccio dei bambini, che di tanto in tanto piangevano durante i discorsi, mentre altri erano ragazze chiaramente troppo giovani per il college.

Una studentessa di nome Shabana Omari ha detto alla folla che era d’accordo con la politica dei talebani secondo cui le donne dovrebbero coprirsi il capo.

“Coloro che non indossano l’hijab ci fanno male a tutti”, ha detto, riferendosi al velo indossato da molte donne musulmane.

“L’hijab non è una cosa individuale”.

Alcuni tra il pubblico tenevano in braccio dei bambini (nella foto), che di tanto in tanto piangevano durante i discorsi, mentre altri erano ragazze chiaramente troppo giovani per il college.

 

Alcuni tra il pubblico tenevano in braccio dei bambini (nella foto), che di tanto in tanto piangevano durante i discorsi, mentre altri erano ragazze chiaramente troppo giovani per il college.

Una manciata indossava burqa blu, che hanno solo una piccola finestra a rete per la visualizzazione, ma la maggior parte indossava niqab neri che coprivano la maggior parte del viso tranne gli occhi (nella foto).

 

Una manciata indossava burqa blu, che hanno solo una piccola finestra a rete per la visualizzazione, ma la maggior parte indossava niqab neri che coprivano la maggior parte del viso tranne gli occhi (nella foto).

Omari ha concluso il suo discorso dirigendo un coro di ‘Allahu Akbar’, o ‘Dio è il più grande’.

Un altro oratore, Somaiya, ha affermato che la storia è cambiata dal ritorno dei talebani.

“Dopo questo, non vedremo ‘bihijabi’ (persone che non indossano il velo)”, ha detto.

Le donne saranno al sicuro dopo questo. Sosteniamo il nostro governo con tutte le nostre forze”.

Dopo i discorsi nella sala riunioni, le donne hanno camminato in file organizzate per un breve tratto della strada, con in mano striscioni stampati e affiancate da soldati talebani armati di fucili e mitra.

La manifestazione pubblica è in netto contrasto con le scene a Kabul e altrove all’inizio della settimana, quando i combattenti talebani hanno sparato in aria per disperdere una serie di proteste contro il loro governo, sparando a due persone.

Nella foto: donne velate tengono in mano cartelli e striscioni mentre marciano durante una manifestazione pro-talebana di fronte alla Shaheed Rabbani University of Education a Kabul l'11 settembre 2021

 

Nella foto: donne velate tengono in mano cartelli e striscioni mentre marciano durante una manifestazione pro-talebana di fronte alla Shaheed Rabbani University of Education a Kabul l’11 settembre 2021

“Le donne che hanno lasciato l’Afghanistan non possono rappresentarci”, si leggeva sabato in uno striscione pro-talebani.

“Siamo soddisfatti dell’atteggiamento e del comportamento dei Mujahideen (talebani)”, si legge in un altro.

I talebani dicono di voler prendere le distanze dalle politiche più dure del passato, quando metà della popolazione era esclusa dal lavoro e dall’istruzione.

Secondo le nuove regole, le donne possono lavorare “secondo i principi dell’Islam”, hanno decretato i talebani, ma sono stati ancora rilasciati pochi dettagli su cosa esattamente ciò potrebbe significare.

All’inizio di questa settimana, i combattenti talebani hanno picchiato i manifestanti e hanno aperto il fuoco per disperdere i manifestanti a Kabul, poche ore dopo che gli islamisti avevano vietato le manifestazioni.

I militanti hanno annunciato una moratoria sulle manifestazioni “per il momento” mercoledì sera dopo che il gruppo è stato umiliato da immagini virali di donne che li affrontavano.

Le immagini pubblicate online mostravano combattenti talebani che picchiavano le manifestanti nelle strade, e un militante viene visto picchiare una donna con una stampella, colpendola al braccio prima di allontanarla.

Le immagini pubblicate online mostrano presumibilmente un militante visto picchiare una donna con una stampella, colpendola al braccio prima di portarla via.

Le immagini pubblicate online mostrano  un militante  picchiare una donna con una stampella, colpendola al braccio prima di portarla via.

Combattenti talebani sono stati visti picchiare le manifestanti e aprire il fuoco per disperderle a Kabul ore dopo che gli islamisti hanno vietato le manifestazioni in mezzo a un'ondata di manifestazioni.

Combattenti talebani sono stati visti picchiare le manifestanti e aprire il fuoco per disperderle a Kabul ore dopo che gli islamisti hanno vietato le manifestazioni in mezzo a un’ondata di manifestazioni.

Il video mostrava anche islamisti armati che brandivano armi spingendo le donne fuori da una strada trafficata. È arrivata tra le notizie di donne che sfidavano il divieto dei talebani alle proteste, riunite davanti all’ambasciata pakistana a Kabul fino a quando i militanti hanno aperto il fuoco per disperdere la folla.

Il filmato mostrava i talebani in uniformi militari che impedivano ai manifestanti di radunarsi e urlavano loro di disperdersi. Spari e urla si sentono poi nel filmato traballante, che MailOnline non è stato in grado di verificare in modo indipendente, prima di interromperlo frettolosamente.

Gli organizzatori della protesta avevano annullato le manifestazioni dopo che il divieto era stato annunciato mercoledì sera in mezzo a una presenza armata talebana notevolmente più forte, comprese forze speciali in uniforme militare, per le strade di Kabul.

Gli islamisti hanno preso una posizione dura nei confronti dei manifestanti, bloccando folle di donne in uno scantinato per impedire loro di unirsi alle proteste e frustando coloro che hanno partecipato alle manifestazioni di questa settimana.

Il filmato mostrava anche militanti che minacciavano i manifestanti con armi e sparavano colpi di avvertimento in aria per disperdere con la forza la folla. Sebbene siano emerse anche immagini strazianti di giornalisti con lividi e lividi arrabbiati dopo essere stati arrestati dai combattenti talebani.

Le proteste si stanno rivelando un primo banco di prova per i talebani che hanno visto una dimostrazione di resistenza da quando hanno preso il potere il 15 agosto, impensabile sotto l’ultimo regime del gruppo estremista negli anni ’90.

Altre News

Articoli Correlati