Dati Covid in tempo Reale

All countries
244,689,000
Confermati
Updated on 25 October 2021 20:44
All countries
219,992,007
Ricoverati
Updated on 25 October 2021 20:44
All countries
4,967,955
Morti
Updated on 25 October 2021 20:44

Afghanistan. La polizia religiosa invita i cittadini a seguire la sharia. Donne e gay nel mirino

- Advertisement -
AgenPress – A Ghazni, città strategica sull’autostrada Kabul-Kandahar, la tanto temuta polizia religiosa è tornata in strada, ma invece di infliggere punizioni, sta facendo un’offensiva di fascino, più intenti a stringere la mano e presentarsi.
Durante una recente pattuglia nel mercato, hanno riunito i negozianti per incoraggiarli a seguire la legge della sharia.
“Tratta le tue donne secondo la legge islamica”, ha detto un comandante a una folla di negozianti, “e assicurati che si coprano”.
I talebani hanno trasformato l’edificio del Ministero delle Donne dalle pareti rosa di Ghazni nella nuova sede del Ministero della Propagazione della Virtù e della Prevenzione del Vizio.
“Noi [agiamo] in conformità alla legge della Sharia”, ha detto Mohammad. “In primo luogo, informiamo le persone sulle buone azioni. Predichiamo loro e consegniamo loro il messaggio in modo gentile; la seconda volta ripetiamo loro di nuovo; la terza volta parliamo loro in modo leggermente aspro”.
Porta con sé un libretto blu, appena rilasciato dai talebani, che fornisce linee guida per la polizia religiosa su come svolgere il proprio lavoro.
“Rispettiamo le leggi e le regole. Diamo consigli, ma prendere la mano di qualcuno, picchiarlo, mandargli un avviso o mandargli una lettera di ammonimento, è contro la politica dell’Emirato. Se qualcuno lo ha fatto, è un atto di autoaffermazione”, ha detto Mohammad.
Ma lontano dalla vista del pubblico, non tutti i combattenti talebani stanno seguendo le nuove linee guida e gli abusi sono comuni.
In un luogo sicuro a Kabul, Wahid mostra i lividi sul sedere, ancora visibili giorni dopo essere stato attaccato. Il suo nome è cambiato per la sua protezione. Ha detto di essere stato fermato da un gruppo di combattenti talebani in una rotonda trafficata per aver indossato abiti in stile occidentale.
“Avevo foto sul mio cellulare relative ai gay”, ha detto Wahid. I combattenti hanno perquisito il suo telefono, hanno trovato le foto e hanno scoperto che era gay.
Wahid ha detto che hanno iniziato a picchiarlo, prima con una frusta e poi con un bastone.
“Mi avevano coperto la bocca e mi avevano anche detto di non fare rumore e se lo avessi fatto mi avrebbero picchiato ancora di più, quindi ho dovuto sopportare il dolore ma non urlare”, ha detto.
La vita per i gay è sempre stata difficile e pericolosa a Kabul, ha detto Wahid, e anche i pestaggi della polizia afghana sotto il governo precedente erano comuni. Ma ha detto che ora ha troppa paura per uscire di casa e teme di finire morto.
“Ora ho paura di vestirmi come prima, perché mi hanno detto che se mi beccassero a indossare di nuovo quel tipo di vestiti o se avessi un cellulare con sopra delle foto, mi ucciderebbero”, ha detto.
“Quando mi picchiavano, continuavano a dire che ero gay e che dovevo essere ucciso. Avevano facce molto spaventose. Si divertivano a picchiarmi”.
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati