Dati Covid in tempo Reale

All countries
245,391,078
Confermati
Updated on 27 October 2021 09:49
All countries
220,728,902
Ricoverati
Updated on 27 October 2021 09:49
All countries
4,981,291
Morti
Updated on 27 October 2021 09:49

AUKUS. Alleanza militare Usa-Regno Unito e Australia per contrastare la Cina

- Advertisement -

AgenPress – L’Australia è pronta ad acquisire la sua prima flotta di sottomarini a propulsione nucleare molto apprezzati come parte di un nuovo storico patto di difesa proposto da Scott Morrison a Joe Biden e Boris Johnson per contrastare la crescente influenza della Cina nell’Indo-Pacifico.

L’alleanza AUKUS  salutata come la mossa strategica più significativa dell’Australia da decenni,  renderà più facile per i tre paesi condividere informazioni e know-how in aree tecnologiche chiave come intelligenza artificiale, cyber, quantistica, sistemi subacquei e capacità di attacco a lungo raggio.

- Advertisement -

La partnership è stata lanciata dai leader di Stati Uniti, Australia e Gran Bretagna in una conferenza stampa virtuale congiunta giovedì mattina presto (AEST) e sarà firmata dal trio a Washington DC la prossima settimana.

Morrison ha affermato che la partnership porterà la relazione di lunga data tra i tre alleati a un “nuovo livello” e contribuirà a garantire la stabilità nell’Indo-Pacifico.

“Abbiamo sempre visto il mondo attraverso una lente simile”, ha detto Morrison dell’Australia, degli Stati Uniti e del Regno Unito. “Abbiamo sempre creduto in un mondo che favorisce la libertà, che rispetta la dignità umana, lo stato di diritto, l’indipendenza degli Stati sovrani e la pacifica comunione delle nazioni”

Biden, insieme al primo ministro britannico Boris Johnson e al primo ministro australiano Scott Morrison mercoledì pomeriggio, ha dettagliato le ragioni dello sforzo trilaterale.

- Advertisement -

“Si tratta di investire nella nostra più grande fonte di forza, le nostre alleanze e aggiornarle per affrontare meglio le minacce di oggi e di domani”, ha detto Biden dalla Casa Bianca tra due monitor che mostrano gli altri leader mondiali. 

 “AUKUS riunirà i nostri marinai, i nostri scienziati e le nostre industrie per mantenere ed espandere il nostro vantaggio nelle capacità militari e nelle tecnologie critiche come la tecnologia informatica e artificiale, le tecnologie quantistiche e i domini sottomarini”.

“Ora dobbiamo portare la nostra partnership a un nuovo livello”, ha affermato Morrison.

“Stiamo aggiungendo un nuovo capitolo alla nostra amicizia”, ​​ha aggiunto Johnson.

Tutti e tre i paesi lavoreranno nei prossimi 18 mesi per capire come fornire al meglio la tecnologia, che gli Stati Uniti hanno tradizionalmente condiviso solo con il Regno Unito, ha affermato il funzionario. Funzionari ed esperti statunitensi hanno notato che l’Australia attualmente non ha il materiale fissile necessario per far funzionare un sottomarino a propulsione nucleare, il che significa che il prossimo anno e mezzo dei negoziati sarà probabilmente caratterizzato da discussioni sul trasferimento di materiale nucleare.

Washington e Canberra hanno firmato un “accordo 123” gold standard nel 2010 in cui l’Australia ha promesso di non arricchire o rielaborare il materiale nucleare inviato dagli Stati Uniti

L’Australia non cerca un’arma nucleare, hanno sottolineato Morrison e Biden. Tuttavia, un alto funzionario dell’amministrazione degli Stati Uniti, in anteprima mercoledì mattina, ha detto dei sottomarini a propulsione nucleare che “questa tecnologia è estremamente sensibile. Questa è francamente un’eccezione alla nostra politica sotto molti aspetti. Non prevedo che questo verrà intrapreso in altre circostanze in futuro”.

Non c’è nulla di esplicito sulla Cina nell’accordo a tre vie, ma due funzionari statunitensi hanno notato che il sottotesto dell’annuncio è che questa è un’altra mossa degli alleati occidentali per respingere l’ascesa della Cina nelle arene militari e tecnologiche.

“Questo è un segno sorprendente ed estremamente gradito della volontà dell’amministrazione Biden di potenziare alleati stretti come l’Australia attraverso la fornitura di assistenza tecnologica di difesa altamente avanzata – qualcosa che Washington è stata raramente disposta a fare”, ha affermato Ashley Townshend, direttore della politica estera e programmazione della difesa presso lo United States Center di Sydney. “Suggerisce un approccio nuovo e più strategico per lavorare collettivamente con gli alleati sulle priorità di difesa dell’Indo-Pacifico”.

Canberra abbandonerà un accordo di sottomarini da 90 miliardi di dollari con la Francia e acquisirà invece sottomarini a propulsione nucleare di fabbricazione americana, con l’aiuto del Regno Unito L’accordo francese era stato a lungo in difficoltà, con il Naval Group, il costruttore navale francese incaricato di costruire i 12 sottomarini , e il governo australiano che ha litigato per le modifiche al design e l’aumento dei costi negli ultimi anni.

Né Naval Group né il governo francese hanno commentato il cambio di rotta.

Una nuova classe di sottomarini a propulsione nucleare darebbe a Washington e ai suoi alleati nel Pacifico un nuovo potente strumento per tentare di contenere l’espansione militare cinese, e seguirebbe l’attuale dispiegamento di una portaerei britannica nella regione e i recenti transiti da parte dei francesi e navi da guerra tedesche nel Mar Cinese Meridionale.

I sottomarini a propulsione nucleare sono considerati più potenti dei sottomarini convenzionali perché operano in modo più silenzioso e possono durare per periodi più lunghi nell’oceano. Sono essenzialmente introvabili perché non hanno bisogno di espellere i gas di scarico.

Gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno collaborato a lungo sui loro programmi di sottomarini a propulsione nucleare, condividendo la tecnologia tra le loro varie classi di navi. Portare l’Australia nell’ovile sarebbe un passo importante per aumentare la capacità dei tre paesi di operare insieme sottomarini attraverso il Pacifico, oltre ad aggiungere un potente pugno alleato nella regione che attualmente manca.

Un altro funzionario statunitense ha affermato che qualsiasi vendita di sottomarini all’Australia richiederebbe diversi anni. Ma nel frattempo, ci sarà una spinta per più sottomarini nucleari americani a fare scalo in Australia per mostrare la propria presenza. Alla fine dello scorso anno, gli Stati Uniti hanno concluso un accordo con la Norvegia per espandere e aggiornare un porto nell’Artico per consentire ai sottomarini a propulsione nucleare americani di attraccare e rifornirsi, una mossa importante per le operazioni ampliate nell’estremo nord dove detiene la potente flotta settentrionale russa. 

I funzionari del Pentagono hanno già iniziato a lavorare con il Congresso per cercare di spianare la strada a una maggiore cooperazione industriale con l’Australia e il Regno Unito, un processo che potrebbe richiedere del tempo poiché le società di difesa con sede negli Stati Uniti e i membri del Congresso probabilmente procederanno con cautela alla condivisione della tecnologia e potenzialmente delocalizzazione di alcuni posti di lavoro.

“Stiamo lavorando con il Congresso per assicurarci di avere l’autorità per investire in Australia e nel Regno Unito”, ha detto mercoledì a un evento alla George Mason University, Jesse Salazar, vice segretario aggiunto del Pentagono per la politica industriale.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati