Dati Covid in tempo Reale

All countries
261,546,652
Confermati
Updated on 28 November 2021 15:02
All countries
234,490,001
Ricoverati
Updated on 28 November 2021 15:02
All countries
5,215,799
Morti
Updated on 28 November 2021 15:02

Bielorussia. Forze polacche hanno usato gas lacrimogeni e cannoni ad acqua contro i migranti

- Advertisement -

AgenPress – Le forze polacche hanno usato gas lacrimogeni e cannoni ad acqua contro i migranti che cercavano di entrare nel paese dalla Bielorussia.

I video hanno mostrato migranti che lanciavano pietre e altri oggetti contro le forze polacche a guardia di un valico di frontiera fortificato.

- Advertisement -

Da settimane migliaia di migranti, per lo più provenienti dal Medio Oriente, si sono radunati al confine con la Bielorussia nel tentativo di raggiungere l’Unione europea.

La Bielorussia è stata accusata di aver spinto i migranti al confine per cercare di destabilizzare l’UE, un’accusa che nega.

Le relazioni UE-Bielorussia sono state gravemente tese da quando il leader di lunga data Alexander Lukashenko ha dichiarato la vittoria in un’elezione presidenziale screditata lo scorso anno e ha cercato di mettere a tacere il dissenso reprimendo le proteste di massa e arrestando gli oppositori politici.

- Advertisement -

L’UE ha imposto sanzioni alla Bielorussia sulla scia del sondaggio e, insieme agli Stati Uniti, le intensificherà dopo la crisi dei confini.

Finora questo mese ci sono stati più di 5.000 tentativi da parte dei migranti di attraversare il confine con la Polonia dalla Bielorussia, rispetto ai soli 88 dell’intero anno scorso, afferma l’agenzia di frontiera polacca.

I migranti, compresi i bambini, hanno vissuto in campi di fortuna in condizioni di gelo appena all’interno della Bielorussia. Negli ultimi giorni, migliaia di persone sono confluite in un valico a Kuznica, a sud di Grodno, nel nord-ovest della Bielorussia.

Lunedì, molti di quei migranti hanno sfondato una recinzione e si sono radunati a un valico sul lato bielorusso del confine. Furono bloccati dalle truppe polacche e ne seguì una tesa situazione di stallo.

Martedì mattina, il ministero della Difesa polacco ha dichiarato che le sue forze hanno risposto ai migranti che attaccavano una recinzione di confine a Kuznica.

“I migranti hanno attaccato i nostri soldati e ufficiali con pietre e stanno cercando di distruggere la recinzione e raggiungere la Polonia. I nostri servizi hanno usato gas lacrimogeni per sedare l’aggressione dei migranti”, ha twittato il ministero.

La polizia polacca ha detto che un agente è stato gravemente ferito da un oggetto lanciato oltre il confine ed è stato ricoverato in ospedale con la sospetta frattura del cranio.

La polizia ha accusato le forze bielorusse di aver fornito ai migranti granate stordenti e di essere rimasto in attesa mentre lanciavano loro e altri missili.

Ma la Russia – stretto alleato della Bielorussia – ha condannato l’uso da parte della Polonia di gas lacrimogeni e cannoni ad acqua contro i migranti, definendolo “assolutamente inaccettabile”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati