Dati Covid in tempo Reale

All countries
246,117,929
Confermati
Updated on 28 October 2021 20:51
All countries
221,279,131
Ricoverati
Updated on 28 October 2021 20:51
All countries
4,993,249
Morti
Updated on 28 October 2021 20:51

Cina. Governo spinge le fabbriche a riprendere la produzione industriale, aumentata del 3,9%

- Advertisement -

Agenpress – La produzione nelle fabbriche cinesi sta crescendo per la prima volta dall’inizio della pandemia di coronavirus . Ma ci sono ancora grandi sfide da affrontare per l’economia del paese .

La produzione è aumentata del 3,9% in aprile rispetto a un anno fa, secondo i dati pubblicati venerdì dall’Ufficio nazionale di statistica. Questo è ben al di sopra della crescita dell’1,5% che gli analisti intervistati da Refinitiv si aspettavano, e la prima volta la produzione è cresciuta da dicembre.
La Cina ha cercato di tornare alla normalità dopo che ampie zone dell’economia sono state chiuse per settimane all’inizio di quest’anno.
La crescita dettagliata di venerdì può essere attribuita alla pressione politica che Pechino sta esercitando sulle fabbriche per riprendere la produzione, ha scritto venerdì in una nota di ricerca Julian Evans-Pritchard, economista cinese senior per Capital Economics.
Si aspetta che la produzione industriale continuerà a crescere, dal momento che i politici in Cina hanno segnalato che sono in arrivo ulteriori misure di stimolo.
Ma non è stata una buona notizia venerdì per la seconda economia più grande del mondo.
La domanda interna rimane molto debole: le vendite al dettaglio in Cina sono diminuite del 7,5% ad aprile rispetto all’anno precedente.
E il tasso di disoccupazione ufficiale – che tiene traccia dei numeri senza lavoro nelle aree urbane – ha raggiunto il 6%, in aumento dal 5,9% a marzo e appena al di sotto del record di febbraio del 6,2%. Evans-Pritchard ha affermato che il vero tasso di disoccupazione è “probabilmente doppio” rispetto a quanto annunciato venerdì, poiché il tasso urbano non include le persone nelle comunità rurali o un gran numero di 290 milioni di lavoratori migranti che lavorano in Cina.
“Dobbiamo valutare appieno i rischi e le sfide” della pandemia, ha dichiarato Liu Aihua, portavoce della NBS, in una conferenza stampa a Pechino venerdì. Ha detto che mentre il virus devasta il resto del mondo, anche la Cina continuerà ad essere colpita.
L’ economia cinese si è ridotta del 6,8% nei primi tre mesi del 2020 rispetto a un anno prima, pari a circa 693 miliardi di yuan ($ 98 miliardi) di produzione persa. Mentre il Fondo monetario internazionale prevede ancora che il PIL cinese cresca dell’1,2% quest’anno , gli analisti avvertono che la ripresa del paese sarà avviata.
La ripresa del paese “continua ma rimane molto irregolare”, ha scritto Evans-Pritchard, aggiungendo che i settori dell’economia cinese guidati dai consumatori sono ancora in difficoltà. Il crollo delle vendite al dettaglio, ad esempio, riflette una “tensione continua sulle finanze delle famiglie”, ha affermato.
Ci sono anche alcuni timori che la Cina potrebbe sperimentare un’altra ondata di casi di virus. Il paese ha segnalato quattro nuovi casi confermati nelle ultime 24 ore, secondo la National Health Commission cinese . 
Ci sono stati anche 11 nuovi casi asintomatici a livello nazionale. (Il paese conta quelli separatamente dai casi sintomatici. Due di questi casi sono stati importati.)
Pechino potrebbe annunciare ulteriori notizie economiche alla fine della prossima settimana, quando il Paese terrà la sua riunione annuale del parlamento dopo un ritardo di due mesi. Il governo non ha ancora annunciato un obiettivo di crescita del PIL per quest’anno.
Gli analisti prevedono che le misure volte a mantenere stabile l’occupazione costituiranno una priorità fondamentale in tale riunione.
“Finora, ci sono molti sussidi locali per i salari e le fabbriche per mantenere le assunzioni stabili. Ma è ovvio che questo non sarà sufficiente”, ha dichiarato Iris Pang, economista della Grande Cina presso ING.
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati