Dati Covid in tempo Reale

All countries
198,550,993
Confermati
Updated on 1 August 2021 04:00
All countries
177,565,770
Ricoverati
Updated on 1 August 2021 04:00
All countries
4,233,009
Morti
Updated on 1 August 2021 04:00

Coronavirus. Cina: la dottoressa Ai Fen sarebbe tornata a lavoro. Mistero sulla sua scomparsa

- Advertisement -
- Advertisement -

Agenpress – Reporter senza frontiere, qualche giorno fa, chiedeva alle autorità cinesi di chiarire con urgenza la situazione della dott.ssa Ai Fen. Nelle ultime due settimane la dottoressa era scomparsa, dopo che aveva rilasciato un’intervista ai media in cui criticava la censura di Pechino per le informazioni sull’epidemia di coronavirus. Lunedì, da quanto si apprende da un articolo di Le Parisien, un giornalista di France Télévisions ha riferito di aver parlato con la dottoressa Ai Fen all’ospedale di Wuhan, dove lavora.

“Nelle sue interviste con i media, la dott.ssa Ai Fen aveva affermato che la censura della Cina ha ritardato l’adozione di misure contro la crisi del coronavirus e ha quindi contribuito alla sua diffusione in Cina”, ha dichiarato Cédric Alviani, capo dell’ufficio di RSF dell’Asia orientale. “Esortiamo le autorità cinesi a mostrare la massima trasparenza sulla sua situazione e, se è stata arrestata, a liberare immediatamente lei e tutti gli altri giornalisti e fonti di informazione detenute in Cina”.

Fu Ai e un gruppo di colleghi dottori che il 30 dicembre hanno lanciato per la prima volta l’allarme per l’emergere di un virus a Wuhan simile a quello responsabile dell’epidemia di SARS nel 2003 che ha infettato circa 8.000 persone e ucciso più di 800, principalmente in Cina. Otto medici, tra cui Li Wenliang , che in seguito morì di virus, furono arrestati il ​​3 gennaio per presunta diffusione di “false voci”.

Con un tweet  Arnauld Miguet ha scritto “Buone notizie. Ai Fen aveva emesso un allarme coronavirus, abbiamo parlato con lei stamattina, sta bene, è al pronto soccorso dell’ospedale di Wuhan.” Secondo quanto riporta l’articolo Le Parisien il giornalista Arnauld Miguet, non avrebbe nessuna informazione in più sul caso della dottoressa; se è stata sotto sorveglianza o se ha vissuto volontariamente la reclusione a casa. Probabilmente, il suo status di dottoressa e direttrice delle emergenza all’ospedale di Wuhan, deve aver giocato a suo favore. “Lei è meno a rischio degli altri -ha dichiarato il presidente di Reporter Senza Frontiere, Pierre Haski- Per le autorità cinesi è molto più delicato mandare un medico in prigione.”

Report senza frontiere specifica in una nota che: “RSF ha preso nota del video pubblicato su account Weibo della dottoressa Ai Fen, dove afferma di essere libera di muoversi. Rsf spera che non sia stato messo in scena dal regime cinese. RSF rimane preoccupata per la scomparsa dei giornalisti Chen Quishi, Fang Bin e Li Zehua dopo aver indagato su COVID-19.”

Altre News

Articoli Correlati