Dati Covid in tempo Reale

All countries
262,813,171
Confermati
Updated on 30 November 2021 20:05
All countries
235,514,543
Ricoverati
Updated on 30 November 2021 20:05
All countries
5,229,970
Morti
Updated on 30 November 2021 20:05

Covid. Contagi in aumento ma la curva rallenta. Si accelera con la terza dose, oltre 2,1 mln somministrate

- Advertisement -

AgenPress – Nella settimana appena trascorsa, 1-7 novembre 2021, continuano a salire i contagi da Covid-19 in Italia, ma la curva rallenta rispetto alle settimane precedenti. In crescita i decessi, che da inizio ottobre seguono una curva ondulatoria comunque in leggero aumento.

Da quanto emerge dall’analisi dei numeri nei bollettini quotidiani forniti da Ministero della Salute e Istituto superiore di Sanità, tra 1 e 7 novembre scorsi sono stati in totale 36095 i casi di nuovi contagi in Italia: +17,22% rispetto ai 30792 della settimana precedente. Una crescita comunque in calo, anzi quasi dimezzata, visto che la settimana 25-31 ottobre aveva visto un aumento del 32,13% sul 18-24 ottobre (30792 vs 23305), che a sua volta aveva segnato un +32,4% sulla settimana 11-17 ottobre.

- Advertisement -

Quanto ai decessi, nell’ultima settimana aumentano del 6,2%. Il numero delle vittime è in crescita e segue una curva ondulatoria: sono state 270 nella settimana 4-10 ottobre, 240 nella settimana 11-17 ottobre (-11,11%), 285 nella settimana 18-24 ottobre (+18,75%), 274 nella settimana 25-31 ottobre (-3,86%).

La terza dose traina la campagna vaccinale: sono 2.128.928 quelle finora somministrate, pari al 35,40% della platea (finora over 60, sanitari e fragili almeno 6 mesi dopo il richiamo). La somministrazione delle terze dosi già viaggia al ritmo di 100 mila iniezioni al giorno e con questa media si spera nel traguardo dei 7 milioni di italiani con booster entro il 2021, in vista di ulteriori inoculazioni alle prossime fasce di età under 60.  Le cosiddette dosi aggiuntive sono 338.595 (38,33% della platea, ovvero i fragili) mentre le booster (tra cui entrano oltre a over 60 e sanitari anche chi ha fatto almeno da sei mesi il siero di J&J) sono 1.790.333 (34,89%della platea).

I dati sulle fasce di rischio delle varie Regioni in tutto il Paese non preoccupano e tutta l’Italia centra l’obiettivo zona bianca probabilmente almeno fino a metà novembre: è del 4% l’occupazione delle terapie intensive a livello nazionale e del 6% (con un aumento dell’1%) quella in area medica non critica negli ospedali per i casi Covid in Italia, sotto alle soglie fissate dagli indicatori rispettivamente del 10% e del 15%. Due le regioni che hanno raggiunto la soglia per le intensive, le Marche con l’11% in crescita (era all’8% il primo novembre scorso) e il Friuli Venezia Giulia al 10%.

- Advertisement -

Nelle due regioni i ricoveri in area medica non critica sono per fortuna sotto la soglia di diversi punti percentuali: le Marche sono al 6% e il Friuli Venezia Giulia al 9% (+1% sul giorno precedente). I dati di occupazione più alti in area medica si registrano in Calabria con il 12% (+1%), nella provincia di Bolzano con l’11% ma in discesa di un punto percentuale, e in Valle d’Aosta che ha registrato un balzo in avanti del 7% portandosi sull’11%.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati