Dati Covid in tempo Reale

All countries
179,840,379
Confermati
Updated on 22 June 2021 22:28
All countries
162,871,692
Ricoverati
Updated on 22 June 2021 22:28
All countries
3,895,109
Morti
Updated on 22 June 2021 22:28

Etiopia. Onu vuole indagine su possibili crimini di guerra nella regione del Tigray

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress -Tra i rapporti emergenti di uccisioni di massa nella città di Mai-Kadra, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet venerdì ha espresso un crescente allarme per il rapido deterioramento della situazione nella regione etiope del Tigray.

Ha avvertito che se le forze regionali del Tigray e le forze del governo etiope continuano lungo il percorso su cui si trovano “c’è il rischio che questa situazione vada totalmente fuori controllo, portando a pesanti vittime e distruzione, nonché sfollamenti di massa all’interno della stessa Etiopia e attraverso frontiere.”

Sebbene i dettagli delle presunte uccisioni di massa riportate da Amnesty International a Mai-Kadra nel Tigray sud-occidentale non siano ancora stati completamente verificati, Bachelet ha chiesto un’indagine completa.

“Se confermata come deliberatamente eseguita da una parte degli attuali combattimenti, queste uccisioni di civili sarebbero ovviamente crimini di guerra, e ci deve essere un’indagine indipendente e piena responsabilità per ciò che è accaduto”, ha detto. “Tuttavia, la prima priorità in questo momento deve essere quella di fermare i combattimenti e impedire che si verifichino ulteriori atrocità”.

Il capo delle Nazioni Unite per i diritti umani ha affermato che, nonostante l’interruzione delle comunicazioni con il Tigray rendesse difficile verificare l’entità del danno fino ad ora, aveva ricevuto rapporti da una varietà di fonti che suggerivano un aumento degli attacchi aerei da parte delle forze governative, nonché feroci combattimenti di terra tra forze opposte.

“Sono anche estremamente allarmata per le segnalazioni di tagli alle forniture essenziali di acqua ed elettricità, oltre al blackout delle comunicazioni e al blocco dell’accesso su strada e via aerea”, ha detto. “Ciò significa che c’è già un impatto drammatico sulla popolazione civile, oltre al rischio di morte o lesioni a seguito delle ostilità”.

Il 6 novembre il capo delle Nazioni Unite per i diritti umani ha ribadito il suo appello a entrambe le parti affinché inizino i colloqui con l’obiettivo di una cessazione immediata delle ostilità.

“Esorto fortemente entrambe le parti a rendersi conto che non ci sarà alcun vincitore in una situazione del genere e ad avviare un dialogo serio per risolvere le loro divergenze senza indugio”, ha detto Bachelet. “Un conflitto interno di lunga durata infliggerà danni devastanti sia al Tigray che all’Etiopia nel suo insieme, annullando anni di sviluppo vitale. Inoltre, potrebbe estendersi troppo facilmente oltre i confini, destabilizzando potenzialmente l’intera sottoregione “.

Altre News

Articoli Correlati