Hong Kong. Legge sicurezza di Xi Jinping. Che fine hanno fatto gli attivisti pro democrazia arrestati?

- Advertisement -

AgenPress – Tre anni dopo le proteste di massa e i disordini che hanno scosso la città per mesi, il governo di Hong Kong insiste sul fatto di aver ripristinato la stabilità e prevede un futuro radioso per la sua gente.

Ma le conseguenze dei disordini a favore della democrazia, tra cui una legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino e radicali cambiamenti elettorali, hanno rimodellato permanentemente la città.

- Advertisement -

Al 31 maggio, più di 10.000 persone erano state arrestate per reati legati alle proteste e 2.866 di loro – il 28 per cento – erano state perseguite, secondo la polizia.

Per il 72% che non è stato perseguitato, HKFP (hongkongfp) ha inviato un’e-mail alla polizia per chiarire cosa era successo loro e perché non sono stati accusati.

“Nel 2019 e nel 2020, Hong Kong ha vissuto disordini senza precedenti… che hanno coinvolto un gran numero di attività criminali, alcuni casi gravi e complicati e un’enorme quantità di prove, rendendo difficile l’indagine”, ha risposto la polizia, lasciando la domanda se perseguirebbe più arrestati senza risposta.

- Advertisement -

Quasi un terzo dei perseguiti è ancora sotto processo.  Uno degli imputati in un caso di rivolta ha detto a HKFP di aver dimenticato la maggior parte dei dettagli del suo presunto reato a causa della lunga attesa.

Aveva anche terminato la sua laurea biennale in attesa di giustizia. “Il mio avvocato mi ha detto di annotare quello che è successo quel giorno, in modo da non dimenticare tutti i dettagli. Aveva ragione”.

Delle 2.866 persone perseguite finora, i casi di 1.908 imputati sono stati completati. Di questi casi completati, il 79% degli imputati ha subito conseguenze legali. Le accuse contro il tre per cento sono state ritirate e il 18 per cento è stato assolto al termine del processo.

Dei 10.278 arrestati, 4.010 erano studenti e oltre un migliaio di questi sono stati perseguiti. Circa 350 di loro sono stati accusati di aver preso parte a una rivolta, quattro su dieci di tutti quelli così accusati.

Oltre la metà dei presunti rivoltosi aveva meno di 22 anni nel 2019 e oltre il 10% di loro aveva meno di 18 anni.

Alla domanda sulla possibilità di grazia per i manifestanti, in particolare i giovani, l’allora amministratore delegato John Lee, speranzoso, ha detto che tutti devono rispettare la legge.

“Hong Kong è un luogo in cui prevale lo stato di diritto e tutti devono rispettare la legge… se non si rispetta, Hong Kong diventerà una società in cui i deboli sono preda dei forti e i civili saranno vittime di bullismo. Possiamo simpatizzare con [i manifestanti], ma se non creiamo la consapevolezza del rispetto della legge, alla fine tutti soffriranno”, ha detto Lee, che è ora l’amministratore delegato di Hong Kong.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati