Mariupol. 4500 cittadini, soprattutto donne e bambini, deportati in Russia con la forza

- Advertisement -

AgenPress – Il Consiglio comunale della città ha accusato la Russia di aver portato migliaia di locali attraverso il confine contro la loro volontà nell’ultima settimana.

Un funzionario, Pyotr Andryuschenko, ha detto al New York Times tra 4.000 e 4.500 residenti erano stati trasferiti a Tangarog, una città nella regione di Rostov che confina con l’angolo sud-est dell’Ucraina. Ha aggiunto che erano stati presi senza i loro passaporti.

- Advertisement -

Un uomo ucraino ha anche detto al giornale di essere stato in contatto con tre famiglie che erano state trasferite con la forza.

“Ora i russi stanno perlustrando i sotterranei e se ci sono persone lasciate lì, le portano con la forza a Taganrog”, ha detto Eduard Zarubin, un medico che ha lasciato la città all’inizio di questa settimana.

La Russia non ha affrontato direttamente la richiesta, ma venerdì il suo ministero della Difesa ha affermato che migliaia di ucraini desideravano “fuggire in Russia” e il suo governo li stava aiutando.

- Advertisement -

Mariupol è attualmente teatro di intense battaglie di strada tra le truppe russe e ucraine. La città è stata bombardata continuamente nelle ultime due settimane e le autorità locali stimano che siano già morte 2.400 persone.

La comunicazione con la città è difficile perché le linee telefoniche sono interrotte. I residenti non hanno elettricità, gas o acqua corrente e stanno razionando le loro scorte di cibo. L’Ucraina afferma che la Russia ha anche impedito ai convogli di aiuti umanitari di entrare in città.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati