Mariupol. La Russia sta cercando di far morire di fame i residenti. Cadaveri lasciati sulle strade

- Advertisement -

AgenPress – Dmytro Gurin, un membro del parlamento ucraino di Mariupol, mi dice che crede che la Russia stia cercando di far morire di fame la città per costringerla alla resa.

L’Ucraina ha rifiutato una scadenza russa per la cessazione dei combattimenti delle sue forze nella città portuale assediata, dicendo che non si potrebbe parlare di soldati che depongono le armi. Gurin ha detto che la città, dove circa 300.000 persone sono intrappolate, non si arrenderà.

- Advertisement -

“I russi non aprono corridoi umanitari, non lasciano che i convogli umanitari entrino in città”. 

“Ora vediamo chiaramente che l’obiettivo dei russi è iniziare a [creare] fame [nella città] per rafforzare la loro posizione nel processo diplomatico, e se la città non si arrende e la città non si arrende, hanno vinto non far uscire le persone”.

Gurin afferma che le squadre non sono ancora in grado di pulire le macerie di un teatro che, secondo i funzionari ucraini, è stato bombardato dalla Russia mercoledì scorso. Si ritiene che centinaia di persone siano rimaste intrappolate nel seminterrato, che ha resistito all’attacco. Mosca nega di prendere di mira l’edificio.

- Advertisement -

“I servizi non possono pulire queste macerie perché i bombardamenti non si fermano mai ei bombardamenti non si fermano mai. È davvero pericoloso”.

Gurin non ha potuto fornire una stima di quante persone siano riuscite a fuggire dalla zona perché “non abbiamo alcun collegamento con Mariupol”.

I corpi vengono lasciati nelle strade perché è troppo pericoloso prenderli. Quando vengono finalmente raccolti, alcuni finiscono per essere sepolti in fosse comuni, un altro simbolo dell’orrore lì.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati