Onu. Bachelet, gli attacchi russi alle aree popolate dell’Ucraina sono crimini di guerra

- Advertisement -

AgenPress  – Gli attacchi della Russia nelle aree popolate dell’Ucraina sono “immensamente preoccupanti” e potrebbero equivalere a crimini di guerra.

Presentando il suo ultimo rapporto sulla situazione in Ucraina, Michelle Bachelet,  capo delle Nazioni Unite per i diritti umani, ha espresso preoccupazione per il “persistente uso di armi esplosive con effetti ad ampia area nelle aree popolate”.

- Advertisement -

Missili, proiettili di artiglieria pesante, razzi e attacchi aerei stanno causando “massicce distruzioni e danni a strutture civili”.

Bachelet ha affermato che il suo ufficio ha ricevuto “accuse credibili secondo cui le forze armate russe hanno usato munizioni a grappolo nelle aree popolate almeno 24 volte”.

L’ufficio per i diritti delle Nazioni Unite, ha affermato, ha verificato 77 incidenti in cui sono state danneggiate strutture mediche, inclusi 50 ospedali.

- Advertisement -

Dieci delle strutture sono state completamente distrutte, ha detto, aggiungendo che i numeri effettivi “probabilmente saranno considerevolmente più alti”.

“Gli attacchi indiscriminati sono vietati dal diritto umanitario internazionale e possono costituire crimini di guerra”, ha avvertito Bachelet.

Le Nazioni Unite in genere non affermano categoricamente che vengono commessi crimini di guerra, poiché ciò può essere determinato solo in un tribunale.

Ma Bachelet ha affermato che “la massiccia distruzione di oggetti civili e l’alto numero di vittime civili indicano fortemente che i principi fondamentali di distinzione, proporzionalità e precauzione non sono stati sufficientemente rispettati”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati