Palio Siena. Cavalli infortunati. Oipa: “se il sindaco avesse a cuore la loro salute lo abolirebbe”

- Advertisement -

AgenPress – Il Palio di Siena si conferma una manifestazione pericolosa che mette in secondo piano i diritti degli animali. È il commento dell’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) dopo la gara di ieri, partita senza due cavalli infortunati durante le prove e il grave stress subito dagli altri dopo ben cinque false partenze in una pista che mette a rischio l’incolumità degli animali e degli stessi fantini (uno di questi ultimi ieri sera è finito in ospedale dopo essere stato disarcionato).

«Abbiamo letto dichiarazioni paradossali del sindaco di Siena, Luigi De Mossi, che ha affermato di aver fatto ritirare i due cavalli infortunati per la “salvaguardia e la tutela degli equini”, a suo avviso “tema centrale”», commenta il presidente dell’OipaMassimo Comparotto.

- Advertisement -

«Se così fosse, dovrebbe abolire la competizione, che ha visto negli anni decine di cavalli morti e infortunati. Ricordiamo da ultimo Raol, il cavallo abbattuto nel 2018 dopo essersi rotto una zampa, diventato il simbolo delle vittime del Palio di Siena. Questi tornei sono competizioni anacronistiche spesso fatali per gli animali. Per questo motivo, da sempre, ne auspichiamo l’abolizione. La tradizione non vale la vita di un essere senziente».

Sono “buone le condizioni cliniche generali” di Zentile, il cavallo toccato in sorte alla contrada della Chiocciola, infortunatosi durante il Palio di ieri. Lo ha reso noto il Comune di Siena spiegando inoltre che i cavalli Schietta, Vitzichesu e Volpino, rispettivamente delle contrade Istrice, Valdimontone e Leocorno, tutti “oggetto di attenzione dei veterinari”, hanno riportato “solo contusioni senza conseguenze e prognosi di alcuni giorni”. Riguardo a Zentile, la diagnosi è “deungulazione all’anteriore destro” che, si spiega, “ha ricordato il positivo decorso dell’analogo infortunio occorso al cavallo Quintiliano per il Palio del 2 luglio 2015. Zentile dopo un immediato intervento di pronto soccorso nel dopo corsa è stato trasportato con la nuova ambulanza del Comune alla clinica Il Ceppo dove il dottor Raffaello Ciampoli e la sua équipe hanno subito iniziato la già sperimentata terapia”. Per un “piccolo infortunio” al cavallo Vankook (verificatosi nelle prove), come spiegato dal sindaco Luigi De Mossi ieri in conferenza stampa, era stata esclusa dal Palio anche la contrada della Civetta. In segno di protesta per non aver potuto partecipare al Palio la contrada ha deciso poi di non effettuare la sbandierata in occasione del corteo storico che precede la corsa.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati