Russia. Possesso di droga. Pubblici ministeri chiedono 9 anni e mezzo per la star del basket Brittney Griner

- Advertisement -

AgenPress – I pubblici ministeri hanno chiesto a un tribunale russo di condannare la star del basket americana Brittney Griner e condannarla a 9 anni e mezzo di prigione per le discussioni conclusive nel suo processo per possesso di droga.

Il processo si è concluso quasi sei mesi dopo l’arresto di Griner in un aeroporto di Mosca in un caso che ha raggiunto i massimi livelli della diplomazia USA-Russia, con Washington che propone uno scambio di prigionieri. Secondo la legge russa, il 31enne Griner rischia fino a 10 anni di carcere se condannato.

- Advertisement -

Sebbene una condanna sia quasi certa, dato che i tribunali russi raramente assolvono gli imputati e Griner ha ammesso di avere cartucce di vaporizzatori con olio di cannabis nel suo bagaglio, i giudici hanno un ampio margine di manovra sulla condanna.

Gli avvocati del Phoenix Mercury Center e due volte medaglia d’oro olimpica hanno perseguito strategie per rafforzare la tesi di Griner secondo cui non aveva intenzioni criminali e che i contenitori sono finiti nel suo bagaglio a causa di un imballaggio frettoloso. Hanno presentato testimoni del personaggio della squadra russa per cui gioca nella bassa stagione della WNBA e hanno scritto la testimonianza di un medico che ha affermato di averle prescritto cannabis per il trattamento del dolore.

L’avvocato di Griner Maria Blagovolina ha affermato che Griner ha portato con sé le cartucce in Russia inavvertitamente e ha usato la cannabis solo per curare il suo dolore a causa delle ferite riportate nella sua carriera. Ha detto di averla usata solo in Arizona, dove la marijuana medica è legale.

- Advertisement -

Ha sottolineato che Griner stava facendo le valigie in fretta dopo un volo estenuante e soffriva delle conseguenze del COVID-19. Blagovolina ha anche sottolineato che l’analisi della cannabis trovata in possesso di Griner era viziata e violava le procedure legali.

Blagovolina ha chiesto alla corte di assolvere Griner, sottolineando che non aveva precedenti penali. 

Un altro avvocato difensore, Alexander Boykov, ha anche sottolineato il ruolo di Griner nel portare la sua squadra di Ekaterinburg a vincere più campionati, notando che era amata e ammirata dai suoi compagni di squadra.

Ha detto al giudice che una condanna minerebbe gli sforzi della Russia per sviluppare gli sport nazionali e far sembrare superficiale l’appello di Mosca a depoliticizzare lo sport.

Boykov ha aggiunto che anche dopo il suo arresto, Griner ha ottenuto la simpatia sia delle sue guardie che dei detenuti, che l’hanno sostenuta gridando: “Brittney, andrà tutto bene!” 

Il pubblico ministero Nikolai Vlasenko ha insistito sul fatto che Griner abbia utilizzato deliberatamente l’olio di cannabis e ha chiesto al tribunale di infliggere a Briner una multa di 1 milione di rubli (circa $ 16.700) oltre alla pena detentiva.

Non è chiaro quando verrà emesso il verdetto. Se non sarà liberata l’attenzione si volgerà alla possibilità ad alto rischio di uno scambio di prigionieri.

Prima che il suo processo iniziasse a luglio, il Dipartimento di Stato l’ha designata come “detenuta ingiustamente”, spostando il suo caso sotto la supervisione del suo inviato presidenziale speciale per gli affari degli ostaggi, di fatto il principale negoziatore di ostaggi del governo.

Poi la scorsa settimana  il segretario di Stato americano Antony Blinken ha parlato con il suo omologo russo, Sergey Lavrov, esortandolo ad accettare un accordo in base al quale Griner e Paul Whelan, un americano incarcerato in Russia per spionaggio, sarebbero stati liberati .

L’appello di Lavrov-Blinken ha segnato il contatto di più alto livello noto tra Washington e Mosca da quando la Russia ha inviato truppe in Ucraina più di cinque mesi fa. Il coinvolgimento diretto su Griner è in contrasto con gli sforzi degli Stati Uniti per isolare il Cremlino.

Si ipotizza che  Griner e Whelan possano essere scambiati con il famigerato commerciante di armi Viktor Bout, che sta scontando una pena detentiva negli Stati Uniti. 

Il segretario stampa della Casa Bianca, Karine Jean-Pierre, ha dichiarato lunedì che la Russia ha risposto in “malafede” all’offerta del governo degli Stati Uniti, una controfferta che i funzionari americani non considerano seria. Ha rifiutato di elaborare.

I funzionari russi hanno deriso le dichiarazioni degli Stati Uniti sul caso, dicendo che mostrano una mancanza di rispetto per la legge russa, esortando Washington a discutere la questione attraverso “una diplomazia tranquilla senza il rilascio di informazioni speculative”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati