Dati Covid in tempo Reale

All countries
159,419,267
Confermati
Updated on 10 May 2021 19:27
All countries
137,986,916
Ricoverati
Updated on 10 May 2021 19:27
All countries
3,313,158
Morti
Updated on 10 May 2021 19:27
spot_img

Sos biodiversità in Italia. Grifone, lontra, delfino comune, tartaruga Caretta Caretta tra le specie in pericolo

AgenPress – Nonostante l’Italia ospiti circa la metà delle specie vegetali e circa un terzo di tutte le specie animali attualmente presenti in Europa, la sua biodiversità sta diminuendo a causa della perdita di habitat, della crisi climatica, dell’inquinamento diffuso, dell’eccessivo sfruttamento delle riscorse, dall’attività antropica e dai crescenti impatti delle specie aliene invasive.

A fare il punto su alcune delle specie della nostra Penisola è il nuovo report di Legambiente dedicato alla fauna selvatica in cui si analizzano 12 specie a rischio e di elevato valore conservazionistico: il grifone, la trota mediterranea, il tritone crestato italiano, la lontra, l’orso bruno marsicano, il lupo e il camoscio appenninico, le farfalle e gli impollinatori, per poi passare alla fauna del Mediterraneo prestando attenzione a squali, delfini e alla tartaruga Caretta caretta.

Alcune di queste specie sono a rischio estinzione come il grifone, la trota mediterranea e l’orso bruno marsicano, le farfalle e impollinatori, altre sono in pericolo come il delfino comune e la tartaruga Caretta caretta; altre ancora come il tritone crestato italiano sono tra le specie per le quali è stata richiesta una protezione rigorosa e poi c’è chi grazie ai progetti LIFE e all’impegno dei Parchi è scampato all’estinzione come il camoscio appenninico e il lupo. Una situazione quella della fauna selvatica nel complesso delicata e preoccupante come sottolineano anche diversi studi scientifici e gli stessi dati delle Liste Rosse italiane realizzate dal Comitato Italiano IUCN e dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare. La stessa Unione Europea ha ricordato che la fauna selvatica del Pianeta si è ridotta del 60% negli ultimi 40 anni e un milione di specie rischiano addirittura l’estinzione, la perdita di biodiversità e la crisi climatica sono interdipendenti e se una si aggrava anche l’altra segue la stessa tendenza e che per raggiungere i livelli di mitigazione necessari entro il 2030 è essenziale ripristinare le foreste, i suoli e le zone umide e creare spazi verdi principalmente nelle città.

Per questo Legambiente, nel giorno in cui si celebra la giornata mondiale della fauna selvatica, nel suo report raccoglie anche un pacchetto di proposte. Per l’associazione ambientalista per tutelare la fauna selvatica a rischio e il capitale naturale è importante prima di tutto incrementare entro il 2030 le aree protette e le zone di tutela integrale; migliorare la gestione della biodiversità e il capitale naturale rafforzandone la conoscenza e il monitoraggio, migliorare la gestione della Rete Natura 2000 e definire i Piani d’azione per le specie faunistiche a rischio e per ogni area protetta completando, ad esempio, il Piano di conservazione e gestione nazionale del lupo, rafforzando le strategie per la tutela dell’orso bruno (PACOBACE e PATOM) e aggiornando il Piano d’azione del camoscio appenninico.

spot_imgspot_img
spot_img

Altre News

Articoli Correlati