Dati Covid in tempo Reale

All countries
198,034,753
Confermati
Updated on 31 July 2021 05:59
All countries
177,209,886
Ricoverati
Updated on 31 July 2021 05:59
All countries
4,224,421
Morti
Updated on 31 July 2021 05:59

Spagna. Scende il numero di decessi, i casi confermati sono 200.000

- Advertisement -
- Advertisement -

Agenpress – La diffusione del coronavirus è regredita ai livelli di oltre quattro settimane fa e, sebbene il numero dei casi sono 200.000,  le nuove non raggiungono le 3.000, meno del previsto dopo l’aumento dei test diagnostici e le morti sono scese a 399, che porta il totale a quasi 21.000.

“Con tutto ciò che stiamo attraversando, con tutte le informazioni e tutto ciò che c’è da essere tristi, penso che queste cifre che stiamo vedendo in questi ultimi giorni, e soprattutto oggi, ciò che dovrebbero farci è renderci felici e contenti, ci stiamo raggiungendo , non gettiamolo a terra ora “, ha chiesto il direttore del Center for Health Alerts and Emergencies, Fernando Simón.

Ed è che il numero di nuovi deceduti con coronavirus è sceso per il terzo giorno consecutivo a 399, il più basso dallo scorso 22 marzo. Ci sono già 20.852 vittime ma, ha indicato l’epidemiologo, “sono marchi che ci danno speranza, nonostante quanto sia sempre triste parlare di persone decedute”.

I dati di nuovi contagi pubblicati  dal Ministero della Salute, mostra una differenza di 4.266 positivi in ​​più rispetto a questa domenica.

Tuttavia, 1.385 sono i casi che hanno manifestato sintomi più di 14 giorni prima dell’esecuzione del test diagnostico e non corrispondono a nuove infezioni.

Pertanto, dato che questi vecchi casi sospetti non devono essere uniti a quelli nuovi, la differenza calcolata da Health è 2.881, 1,5% in più rispetto al giorno precedente. Dal 20 marzo non sono state registrate meno di 3.000 infezioni al giorno, mentre, in termini percentuali, è l’aumento più basso registrato fino ad oggi.

Con tutto ciò, gli aspetti positivi registrati fino ad oggi, lunedì 20 aprile,  sono 200.210, di cui 31.053 da professionisti della salute, il 15,5%. 

Ci sono stati anche 191.164 test PCR, il più affidabile per rilevare il virus, e 9.046 test anticorpali, il che significa 2.585 e 1.681 in più, rispettivamente, in un solo giorno.

Le PCR settimanali sono quasi quadruplicate dall’ultima settimana di marzo, quando hanno totalizzato poco meno di 200.000, a più di 700.000 nell’ultima settimana. Tuttavia, nonostante il fatto che questo aumento abbia indotto gli esperti a pensare che avrebbe comportato un numero proporzionale di casi, la verità è che “per fortuna non è stato così”.

“E questo implica che l’incidenza sta calando anche più di quanto pensassimo”, ha detto l’epidemiologo, che ha insistito sul fatto che “più test facciamo, meglio”, ma continuando a farlo dà “garanzie che il controllo del la trasmissione è stata raggiunta. “

Allo stesso modo, i pazienti ricoverati in terapia intensiva (di cui non viene ancora offerto il conteggio totale) e quelli ricoverati sono aumentati rispettivamente dello 0,7% e dello 0,8% rispetto alle settimane precedenti.

A tutto ciò si aggiunge che altre 1.694 persone sono riuscite a superare COVID-19, 80.587 dall’inizio della pandemia; quindi, il 40,1% di quelli infetti si è già ripreso dalla malattia.

Dati che consentiranno il graduale rilassamento di alcune delle rigorose restrizioni decretate dallo stato di allarme, come consentire ai minori di scendere in piazza a partire da lunedì 27 aprile, come annunciato sabato dal presidente della Governo, Pedro Sánchez.

I vescovi hanno proposto al governo altre decisioni di declassamento, come la celebrazione della messa  nella parte finale del decreto di allarme e il chiarimento della situazione dei templi per evitare “situazioni problematiche” come “interventi di la polizia “in atti di culto già iniziati, un’azione che chiamano” eccessiva “.

 

Altre News

Articoli Correlati