Ucraina. Kuleba: “Putin non ha potenza sufficiente per continuare ad attaccarci da tre direzioni”

- Advertisement -

AgenPress – Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha dichiarato venerdì alla Galileus Web che crede che si stia verificando un raggruppamento delle truppe russe poiché “non possono sostenere la pressione” per continuare un assalto all’Ucraina da tre fronti.

Parlando con Christiane Amanpour della CNN, Kuleba ha affermato che la decisione di Mosca di ridurre l’attività militare sui due fronti di Kiev e Chernihiv è arrivata in un momento in cui “le forze ucraine hanno iniziato a respingerli con successo dai villaggi e dalle piccole città sotto l’assedio di Kiev. Il motivo per cui hanno detto che era perché sentivano di non poter sostenere la pressione e di non poter mantenere la prima linea intorno a Kiev”.

- Advertisement -

Kuleba ha affermato che potrebbe essere indicativo del fatto che il presidente russo Vladimir Putin stia diventando più realistico sulla sua strategia militare. “Credo che sia già diventato più reale poiché non riesco a immaginare che il ritiro delle forze russe dal nord dell’Ucraina non sia stato ordinato da lui”.

“Se traduciamo questo recente movimento nel linguaggio umano, significa letteralmente che non ha potenza sufficiente per continuare ad attaccare l’Ucraina da tre direzioni contemporaneamente. Quindi devo spostare parte della mia forza militare in un’altra direzione per rafforzare il mio esercito in quella zona”.

“Qualunque sia la sua immagine della realtà, dai passi che stanno facendo sul terreno, posso concludere che ha capito che il suo potere, che non è abbastanza forte per continuare ad attaccare l’Ucraina da tutti gli angoli e questo è chiaro ora”, Kubela aggiunto.

- Advertisement -

Ma il ministro degli Esteri ha anche affermato di ritenere che il ritiro delle forze russe possa essere un tentativo di prepararsi strategicamente per un assalto alla regione ucraina del Donbas.

“Vediamo che alcuni dei loro sindacati militari si stanno ritirando di nuovo nel territorio della Bielorussia, ma allo stesso tempo sentiamo messaggi coerenti e abbiamo anche ricevuto informazioni sul fatto che stanno ancora guardando al Donbas come a un frutto di bassa portata”, ha detto CNN. “Hanno bisogno di raggruppare le risorse e prepararsi per la battaglia per il Donbas”. 

Il ministero della Difesa russo ha dichiarato venerdì che due elicotteri Mi-24 ucraini hanno effettuato un attacco a un deposito di carburante nella Russia meridionale. Alla domanda se fosse stata l’Ucraina a compiere l’attacco, Kuleba ha detto che non poteva verificarlo. 

Alla domanda di Amanpour se è sorpreso più in generale dalla capacità militare dell’Ucraina in volo, Kuleba ha affermato di avere “fiducia nel popolo ucraino e nelle nostre forze armate e come ministro degli esteri nella nostra diplomazia. Questa è una guerra. Ci hanno attaccato per distruggerci e rifiutano il nostro diritto di esistere come nazione, quindi significa che combatteremo con tutti i mezzi a nostra disposizione nell’ambito delle leggi internazionali di guerra esistenti”. 

“Non ci stanchiamo di lottare per la libertà, per l’indipendenza e per i valori. Quindi spero che anche le persone in Occidente non si stanchino di sostenerci”.

“L’unica fatica che hanno osservato finora è quella delle capitali che cercano di non evitare le sanzioni alla Russia, ma stiamo lavorando con loro e spero che credo che le aiuteremo a superare quella fatica”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati