Usa. Dipartimento Giustizia chiede blocco legge Texas che vieta aborto dopo 6 settimane

- Advertisement -

AgenPress – Il Dipartimento di Giustizia ha chiesto a un giudice federale martedì di emettere un ordine restrittivo temporaneo per bloccare l’applicazione di una controversa legge del Texas che vieta gli aborti dopo circa sei settimane di gravidanza.

“Gli Stati Uniti hanno l’autorità di chiedere un risarcimento a questa Corte contro lo Stato del Texas, in particolare alla luce degli ostacoli procedurali che il Texas ha eretto per proteggere l’SB 8 dal controllo giudiziario nelle cause da parte delle persone direttamente interessate”, hanno sostenuto gli avvocati del governo in memorie depositate martedì in ritardo. 
Hanno detto che la legge ha “gravemente e irreparabilmente compromesso la capacità delle donne di esercitare il loro diritto costituzionale all’aborto in tutto lo Stato”.
La memoria legale arriva dopo che l’amministrazione Biden ha intentato una causa contro lo stato la scorsa settimana affermando che la legge è stata approvata in “aperta sfida alla Costituzione”. Ora gli avvocati del governo stanno cercando di fermare la legge mentre è in corso  la sfida legale.
La richiesta potrebbe passare rapidamente attraverso i tribunali – alla fine approdare alla Corte Suprema – e potrebbe determinare se le cliniche dello stato possono nuovamente eseguire aborti dopo sei settimane, poiché entrambe le parti presenteranno le loro argomentazioni legali nei prossimi mesi. 
Arriva quando la Corte Suprema è pronta a occuparsi di un caso relativo a un divieto di 15 settimane del Mississippi che funge da sfida diretta a Roe v. Wade a volte nel tardo autunno o all’inizio dell’inverno.
Dopo che la Corte Suprema ha autorizzato l’entrata in vigore della legge, il governatore repubblicano del Texas Greg Abbott ha twittato che “a partire da oggi, ogni bambino non ancora nato con un battito cardiaco sarà protetto dalle devastazioni dell’aborto”.
Abbott è stato criticato quando gli è stato chiesto perché stava spingendo una legge che costringerebbe una vittima di stupro o incesto a portare a termine una gravidanza.
“Non lo richiede affatto, perché ovviamente fornisce almeno sei settimane affinché una persona possa abortire”, ha risposto Abbott. 
“Detto questo, tuttavia”, ha continuato, “chiariamo una cosa molto chiara, lo stupro è un crimine e il Texas lavorerà instancabilmente per assicurarci di eliminare tutti gli stupratori dalle strade del Texas andando in modo aggressivo, arrestandoli e perseguendoli e toglierli dalle strade”.
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati