Zelensky, a Mariupol una “catastrofe umanitaria”. 2.000 bambini deportati in Russia

- Advertisement -

AgenPress – Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky domenica ha definito l’assedio russo della città portuale di Mariupol una “catastrofe umanitaria”, affermando che le forze russe avevano portato via dalla città oltre 2.000 bambini come parte di quella che i funzionari ucraini hanno descritto come un’ondata di deportazioni di civili verso Russia.

Alla domanda in un’intervista con giornalisti russi indipendenti di descrivere la situazione, Zelensky ha dichiarato: “La realtà è questa: la città è bloccata dall’esercito russo. Tutti gli ingressi e le uscite dalla città di Mariupol sono bloccati. Il porto è minato. Un umanitario La catastrofe all’interno della città è inequivocabile, perché è impossibile arrivarci con cibo, medicine e acqua. L’esercito russo sta bombardando convogli umanitari. Gli autisti vengono uccisi”.

- Advertisement -

Zelensky ha aggiunto che le forze russe si sono impegnate nella “rimozione forzata di persone” dalla Russia.

Secondo le nostre informazioni, sono stati portati fuori più di duemila bambini, il che significa che sono stati rubati”, ha detto Zelensky. “La loro posizione esatta è sconosciuta. Possono essere lì con o senza genitori. Tutto sommato, è un disastro. Non posso dirti che aspetto abbia. È spaventoso. Li tengono come anime per un fondo di scambio.

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati