Sen. Daniela Santanchè (Fratelli d’Italia): Trasporti, caos a Milano, solo tasse niente incentivi manca sicurezza

655

Agenpress. Sullo stato di profondo disagio del trasporto pubblico della Capitale non voglio neanche entrare in argomento perché l’ennesimo lo sciopero proclamato per il 9 dicembre parla già da sé. Quello che preoccupa è la situazione dell’altra capitale, quella finanziaria, del nostro Paese. Ieri a Milano di nuovo un guasto in Metro ha  provocato il ferimento di 15 persone di cui 7 ricoverate in ospedale.

Non è la prima volta che si verifica un incidente sulla metro a Milano. I precedenti sono tanti, ormai non si può più parlare di casualità. Solo pochi giorni fa i viaggiatori erano stati costretti ad abbandonare il vagone della linea verde in galleria perché mal funzionante. E’ di questa mattina invece il tragico scontro tra un  filobus e un camion addetto al trasporto rifiuti sempre con diversi feriti di cui una donna in coma.

Quella di oggi è una sventurata fatalità ma l’assessore alla Mobilita’ del Comune di Milano e il sindaco prendano atto della situazione, il Comune peraltro ha da  sempre adottato una terapia d’urto con tasse e gabelle concentrate su chi è costretto a usare l’auto in Area C,  pedaggi per la sosta in tutta la città e autovelox. I tagli ai mezzi pubblici e al metrò non sono ammissibili. L’Amministrazione prenda provvedimenti e riveda le proprie scelte.

Così l’on. Daniela Santanché (Fdi).