Clamoroso errore di Bonafede sul reato colposo o doloso. Codacons, si dimetta

514

Agenpress – Rettifica da parte della Rai, sanzione per Bruno Vespa e dimissioni immediate per il Ministro della giustizia, Alfonso Bonafede. A chiederlo il Codacons, dopo le dichiarazioni errate e fuorvianti rilasciate dal Guardasigilli nel corso di una puntata di “Porta a porta”.

Il Ministro si è reso protagonista di un clamoroso errore, affermando che “quando del reato non si riesce a dimostrare il dolo e quindi diventa un reato colposo, ha termini di prescrizione molto più bassi” – spiega il Codacons – Una affermazione sbagliata che dimostra una scarsa conoscenza non solo dei reati, ma dell’intero sistema della giustizia che lo stesso Bonafede vorrebbe riformare. Se fosse vero quanto sostenuto dal Ministro, in un processo ad esempio per violenza sessuale si potrebbe chiedere di procedere per stupro colposo non riuscendo a dimostrare il dolo? – si domanda l’associazione.

Chiediamo pertanto ad Alfonso Bonafede di dimettersi e lasciare il suo incarico, perché riteniamo che un Ministro della giustizia debba conoscere i concetti basilari su cui si fonda il nostro ordinamento giudiziario, e inviamo oggi una istanza alla Rai affinché rettifichi le errate informazioni rese dal Guardasigilli nel corso della puntata di “Porta a porta” e sanzioni il conduttore Bruno Vespa che ha permesso la diffusione di notizie sbagliate che creano confusione nell’opinione pubblica – conclude il Codacons.