Coronavirus. Come insegnare ai figli a non avere paura

369
dott.ssa Monica Massa, psicoterapeuta di Milano, Terapeuta Emdr corsi evolutivi e meditazione

I consigli della dott.ssa Monica Massa,  psicoterapeuta di Milano, Terapeuta Emdr corsi evolutivi e meditazione

Agenpress – La crescita esponenziale dei malati di Covid 19 ha spinto il governo italiano a assumere misure sempre più restrittive, per fronteggiare la propagazione del rischio del virus.

Ormai la maggior parte degli adulti lavora in modalità smartworking, mentre i giovanissimi sono a casa da scuola bombardati dall’effetto mediatico e collegati alle lezioni con la scuola dalla rete. Mai come prima d’ora, a causa della prolungata convivenza fra le pareti domestiche, si passa più tempo con i familiari. Come sfruttarlo al meglio? “Evitiamo di condividere l’ansia e trasmettiamo ai figli un senso di fiducia e di tranquillità, con la forza d’animo che ci appartiene”, consiglia la dott.ssa Monica Massa psicoterapeuta di Milano e supervisore della Terapia Emdr, corsi evolutivi e meditazione. Il primo passo per dare sicurezza ai figli è valorizzare le piccole cose quotidiane.

La casa in questo frangente è diventata un luogo dove i ritmi ora sono caratterizzati dalla presenza, dalla condivisone, dall’unione.  E cosa ritroviamo? Le nostre reazioni emotive, i ritmi da organizzare con i figli a casa, i compiti da seguire e un mondo di pensieri inevitabili. Un’occasione per ritrovare magari “una quotidianità perduta”. C’è in particolare una possibilità unica: ricordarci chi siamo, della forza in noi, di trasmetterla anche ai figli e a chi ci circonda, anche a distanza, di essere noi stessi cambiamento storico,  resilienza con amore, restituendoci la dimensione della vera collettività.

Cosa dire ai figli se sono spaventati? Se i figli sono piccoli si informano su che cosa accade, si spiega loro con semplicità, che cos’è un virus sottolineando anche la capacità del nostro fantastico sistema immunitario di reagire “positivamente” a difesa della nostra salute.

In generale, i figli chiedono sicurezza e noi se rimaniamo saldi nella fiducia e nella positività gliele trasmettiamo. Se hanno paura li si rincuora, se sono spaventati li si rassicura, se piangono li si consola. Con i figli più grandi si condividono le informazioni dando peso alle possibilità di apertura e non caricando ulteriormente con le proprie emozioni di paura e di preoccupazione: teniamoli liberi. Nel frattempo, farebbe bene scherzare con loro, distrarsi e alleggerire le giornate.

Ricordandoci tutti che siamo in grado di attraversare questo tempo e di andare oltre, di fronteggiare le nuove prove di vita, un passo alla volta.

 

Ecco alcuni consigli pratici:

Al mattino:

Accogliere i figli con il sorriso e parole gentili.

Organizzare la giornata suddividendo i compiti e le attività libere, decidendo le regole della convivenza. Le regole servono ad avere degli accordi rispettati e riconosciuti, a maggior ragione nei momenti in cui l’ansia e le preoccupazioni sono più forti. Se avete l’abitudine potete iniziare la giornata con una breve meditazione, anche ripetendo l’Om, la sillaba sacra, che vi aiuterà a proteggere la vostra mente dai pensieri pressanti.

Durante il giorno usare toni pacati e affettuosi.

Se in famiglia ci sono anziani, coinvolgere per quanto possibile i giovani con attenzioni e cure, di amore e compassione verso di loro anche se sono lontani: si possono conttattare con una telefonata in più per non farli sentire soli.

I social: adulti e giovani è bene che evitino di chattare tutto il giorno  considerando questo tempo come un tempo “ritrovato”.  Evitare possibilmente di parlare troppo del virus.

A tavola: mantenere i pasti regolari, a tavola si consiglia vivamente di non tenere la televisione accesa, si piuttosto accendete alla musica. Dopo pranzo si può fare qualche gioco collettivo, in famiglia. L’importante è ritrovarsi a stare insieme con serenità, cercando di collaborare anche sui compiti della casa, per il bene comune.

 

Commenti alle notizie che ci bombardano da tv e radio: è giusto seguire gli aggiornamenti ma contro l’eccesso l’antidoto è favorire anche qualche ora di silenzio al giorno, distraendosi con altre attività piacevoli, quali oltre al gioco, l’attività fisica, il riposo, la meditazione, lo yoga, o qualunque attività di svago piacevole, una lettura, cantare, dipingere e disegnare, fare giardinaggio.

Infine, ricordiamoci che l’emergenza ha un suo tempo, nulla dura per sempre.