Migranti, Tardino (Lega), parole Rackete gravi, nessuna lezione da chi viola leggi italiane

800

AgenPress. “Le parole di Carola Rackete, che se la prende con i Paesi del sud, tra cui l’Italia, e afferma che l’Ue vuole che gli immigrati ‘affoghino per spaventare chi intende intraprendere gli attraversamenti’ sono gravi e inaccettabili. Proprio quell’Ue dei finti buonisti che l’aveva accolta come un’eroina? Non accettiamo lezioni da chi viola le leggi del nostro Paese e ha messo in pericolo la sicurezza dei nostri cittadini trasportando criminali condannati per reati gravissimi.

Quando parla di responsabilità delle morti in mare, dovrebbe puntare il dito contro coloro che, come lei e le Ong, si rendono complici degli speculatori del business dei trafficanti e incoraggiano i viaggi della morte. Mentre sulle coste siciliane proseguono gli sbarchi, anche durante l’emergenza con soggetti positivi al Covid e quarantene su navi da crociera a spese dei contribuenti, le sue parole sono uno schiaffo per gli italiani.

È vero, vanno bocciate le politiche europee sull’immigrazione, proprio perché in questi anni l’Ue ha inseguito l’ideologia di Carola e di chi vuole l’invasione dell’Italia e dell’Europa: ora è tempo di pensare alla sicurezza dei cittadini e di cambiare questo sistema”.

Così in una nota Annalisa Tardino, europarlamentare della Lega, coordinatrice ID nella commissione Libe al Parlamento Europeo.