Ponte Morandi, Conte, o arriva proposta o revoca. Cancellieri, governo metta la parola fine

588

AgenPress – La vicenda Autostrade “si trascina da troppo tempo. Ma la procedura di revoca è stata avviata e ci sono tutti i presupposti per realizzarla, perché gli inadempimenti sono oggettivi, molteplici e conclamati. Quindi o arriva una proposta della controparte che è particolarmente vantaggiosa per lo Stato oppure procediamo alla revoca, pur consapevoli che comporta insidie giuridiche”. Così il premier Conte, auspicando che la situazione si risolva “entro questo fine settimana”. Ed “è una decisione di tale importanza che la porteremo in CdM”.

“Il Governo deve intervenire immediatamente mettendo la parola fine. Non possiamo più aspettare. Purtroppo il grido di allarme che abbiamo lanciato in questi 4 mesi è stato poco ascoltato. Mi rassicurano adesso le parole di Conte”, dice  il viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Giancarlo Cancelleri (M5S).  Il viceministro apre comunque a una quota di minoranza per Autostrade, “credo che se ne possa parlare”, dice, se c’è la riduzione delle tariffe e l’eliminazione della legge che assegna la concessione.

“Noi abbiamo portato avanti una battaglia in modo genuino e con serietà. Nessuno può dire che siamo stati noi a non decidere: prima frenava la Lega, ora lo fanno Pd e Italia viva. Ma il tempo è finito. Dobbiamo stabilire da che parte andare; siamo consapevoli che questa vicenda non si può chiudere in questo modo”. Se non ci fosse un accordo “avremmo un bel problema. Il rischio di una crisi, se entro una settimana non ci fosse una soluzione, sarebbe inevitabile”. E, “visti i margini temporali ristretti, si può fare un decreto legge per rivedere la concessione ad Autostrade”. Al confronto, dice, “portiamo con convinzione tre proposte: la fuoriuscita dei Benetton, o il loro fortissimo ridimensionamento, l’abbassamento almeno del 15% delle tariffe dei pedaggi come previsto dalla delibera dell’autorità per la regolazione dei trasporti, e la delegificazione dell’iter di concessione”.