Cina. Nei primi sei mesi dell’anno aumentati i movimenti bancari per oltre 43mld

388
foto da pandslegal.it

AgenPress – Nella prima metà del 2020 le attività totali degli istituti bancari cinesi hanno continuato ad espandersi, mentre l’indice di sofferenza del settore ha registrato un leggero aumento a causa delle difficoltà affrontate dall’economia. Secondo i dati della China Banking and Insurance Regulatory Commission, a fine di giugno, le attività totali del settore bancario in Cina hanno raggiunto i 301.500 miliardi di yuan (circa 43.100 miliardi di dollari), in aumento del 9,8% rispetto all’anno precedente.

Dai dati della commissione emerge inoltre che i crediti deteriorati nelle istituzioni finanziarie del Paese sono arrivati a 3.600 miliardi di yuan, con un tasso dei prestiti in sofferenza al 2,1%, in aumento di 0,08 punti percentuali rispetto a inizio anno. Il livello dei prestiti in sofferenza dovrebbe continuare a crescere, visto che l’impatto sul settore dei venti contrari dell’economia deve ancora farsi sentire.

I dati dimostrano anche che le attività totali del settore assicurativo a fine giugno erano arrivate a 21.700 miliardi di yuan, in aumento del 5,7% da inizio anno. Nella prima metà del 2020 la raccolta premi del settore assicurativo è aumentata del 6,4% su base annua a quota 2.700 miliardi di yuan.